La riscossione frazionata non vale per i tributi locali

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 5 dicembre 2020



Nel caso di sentenza non definitiva di annullamento di atti presupposti alla cartella esattoriale (IMU e Tasi), non è ammessa la riscossione frazionata. Analizziamo la tematica della riscossione frazionata applicata ai tributi locali.

Riscossione frazionata: vale o no per i tributi locali?

riscossione frazionata tributi localiNel caso di sentenza non definitiva di annullamento di atti presupposti alla cartella esattoriale (IMU e Tasi), non è ammessa la riscossione frazionata trattandosi di tributo locale.

Il principio di non ammissibilità della riscossione frazionata di tributo locale nella sentenza non definitiva di annullamento di atti presupposti alla cartella  esattoriale è contenuto nella recente sentenza n. 16/2020 della CTP Rieti da cui emerge che l’ufficio impositore può non tener conto di sentenze non definitive già emesse dall’organo giurisdizionale di primo grado impugnate dinanzi alla Commissioni tributaria regionale.

 

Puoi approfondire l'argomento all'articolo:

Riscossione frazionata o integrale del credito tributario comunale in pendenza di giudizio

 

Riscossione frazionata: normativa di riferimento

L’art. 68 del D.Lgs. n. 546 del 1992 reca disposizioni in tema di pagamento del tributo in pendenza del processo, non indicando per quale tipo di imposta è ammesso il pagamento frazionato.

In particolare, tale norma prevede che gli atti impositivi per i quali è pendente il giudizio dinanzi alle CC.TT. sono oggetto, nei casi previsti, di una riscossione frazionata del quantum in essi de