Aumenta la tassa 2021 iscrizione Revisori legali

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 28 dicembre 2020



Dal 1° gennaio 2021 il contributo annuale a carico degli iscritti nel registro dei revisori legali aumenta a € 35,00 (in precedenza era di circa € 26,00).

tassa 2021 revisori legaliDal 2021 sale a 35 euro la tassa di iscrizione nel registro dei Revisori legali

Il Ministero dell'economia e delle finanze ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 318 del 23/12/2020, il Decreto 9 dicembre 2020, recante la determinazione del contributo annuale a carico degli iscritti nel registro dei revisori legali.

 

Contributo annuale a carico degli iscritti nel registro dei revisori legali

Dal 1° gennaio 2021 il contributo annuale a carico degli iscritti nel registro dei revisori legali aumenta a € 35,00 (in precedenza era di circa € 26,00).

L’importo del contributo annuale, comprensivo delle spese di produzione degli avvisi di pagamento, andrà versato in unica soluzione entro il 31 gennaio di ciascun anno (il primo con l’aumento scade quindi il 31/1/2021) con le modalità riportate nel successivo articolo 2, e non é frazionabile in rapporto alla durata di iscrizione nell’anno.

NdR: attenzione alle importanti novità per i revisori, potrebbe interessarti: Le modifiche al codice della crisi per sindaci e revisori

 

Alla data del 1° gennaio

Sono tenuti al pagamento del contributo i revisori legali e le società di revisione legale che risultano iscritti nelle sezioni «A» e «B» del registro alla data del 1° gennaio di ogni anno.

Fermo restando il contributo di iscrizione posto a carico dei nuovi iscritti, i revisori legali e le società di revisione che in corso d’anno sono iscritti per la prima volta nel registro dei revisori legali sono tenuti al pagamento del contributo annuale a partire dall’anno successivo a quello di iscrizione.

Nel caso di omesso o ritardato pagamento dei contributi, il Ministero dell’economia e delle finanze potrà adottare nei confronti dei soggetti morosi i provvedimenti del caso (ovvero, quelli di cui all’art. 24-ter del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, come modificato dal decreto legislativo 17 luglio 2016, n. 135).

Sono dovuti, inoltre, gli interessi nella misura legale (dal 2021, peraltro, fissati solo nella misura dello 0,01%), con decorrenza dalla scadenza del contributo e sino alla data dell’effettivo versamento, nonché gli oneri amministrativi connessi alla correlata attività di recupero del credito.

 

Modalità di versamento del contributo annuale

L’importo del contributo annuale è versato mediante pagamento elettronico, attraverso i servizi offerti dal Nodo dei pagamenti SPC dell’Agenzia per l’Italia digitale -AgID- denominato «PagoPA» di cui alle linee guida concernenti le regole e le modalità di effettuazione dei pagamenti elettronici.

Il contributo potrà essere parimenti versato tramite i convenzionali strumenti di pagamento offerti dagli intermediari autorizzati.

 

Abrogazione precedente decreto

Viene abrogato il precedente decreto del Ministro dell’economia e delle finanze datato 5 dicembre 2016 intitolato «Determinazione dell’entità e delle modalità di versamento del contributo annuale degli iscritti al registro dei revisori legali».

Il nuovo ha effetto a decorrere dal 1° gennaio 2021.

Tanti approfondimenti dedicati ai revisori e collegio sindacale sono raggruppati in apposita sezione, vedi=>

 

A cura di Vincenzo D'Andò

Lunedì 28 dicembre 2020

 

Queste informazioni sono tratte dal Diario Quotidiano di CommercialistaTelematico