Al via la sezione speciale del fondo Pmi per professionisti e imprese

Il Medio Credito Centrale ha recentemente comunicato il via della sezione speciale del Fondo per Piccole e Medie imprese e professionisti, istituito col Decreto Cura Italia. Quali i termini per la presentazione delle domande? Quali sono le misure di sostegno e le modalità operative di accesso?

Fondo PMI professionisti e imprese: schema di sintesi

fondo pmi professionisti imprese

Ombrello dello Stato a favore delle imprese e dei professionisti che hanno beneficiato delle misure previste dall’articolo 56 del Decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (cd. Decreto Cura Italia) convertito nella legge 24 aprile 2020, n. 27.

Parliamo del divieto di revoca per le aperture di credito a revoca e i prestiti a fronte di anticipi su crediti, della proroga dei prestiti non rateali e della sospensione delle rate relative a mutui e altri finanziamenti a rimborso rateale.

Le domande di garanzia devono essere presentate dai soggetti richiedenti entro il 18 dicembre e, salvo proroga, saranno deliberate dal fondo Pmi entro il 31 dello stesso mese, termine per la concessione degli aiuti ai sensi del “Quadro temporaneo”.

E’ con la circolare del 5 ottobre 2020 n. 18 che il Medio credito centrale comunica l’avvio dell’operatività della sezione speciale istituita ai sensi dell’articolo 56 del Decreto-Legge del 17 marzo 2020, n. 18 recante “Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” (DL Cura Italia).

 

Sezione speciale Fondo PMI: le tre misure di sostegno con la garanzia dello stato

L’art. 56 del Decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18, modificato dall’art. 65 del Decreto-legge 14 agosto 2020 n. 104, prevede la possibilità per le imprese, danneggiate dalla diffusione del Covid-19, di ottenere una delle seguenti misure di sostengo finanziario:

 

Divieto di revoca

Per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se superiori, a quella di pubblicazione del presente decreto Cura Italia (cioè 17 marzo 2020), gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte alla Data del termine delle misure.

[CONTINUA… Per proseguire nella lettura dell’articolo clicca sul pdf qui sotto–>]

 

Per approfondimenti sullo stesso argomento leggi:

 

A cura di Cinzia De Stefanis

Lunedì 19 ottobre 2020

 

 

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it