Il temporary framework in tempi di aiuti di stato per Covid 19

Il Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea ha introdotto il c.d. temporary framework, dichiarando compatibili col mercato interno quegli aiuti di Stato tesi a porre rimedio a calamità naturali nonché a situazioni di grave turbamento dell’economia.
Ma cosa si intende esattamente per temporary framework? Quali sono gli aiuti di Stato da poter prendere in considerazione?

temporary frameworkCos’è il temporary framework

Il Temporary Framework si basa sull’articolo 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE), che, al paragrafo 2, lettera b), dichiara compatibili con il mercato interno gli aiuti pubblici destinati a ovviare ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali (esimendo, dunque, tali tipi di aiuti dall’obbligo di previa approvazione da parte della Commissione UE); e, al paragrafo 3, lettera b), dispone che possono essere compatibili con il mercato interno gli aiuti destinati a porre rimedio ad un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro (previa approvazione della Commissione UE, al fine di valutare il carattere mirato alla finalità e la loro adeguatezza e proporzionalità).

(Per approfondire…“DL Rilancio: regole generali delle nuove agevolazioni nel rispetto del quadro EU sugli aiuti di Stato” di Vito Dulcamare)

Il temporary framework non sostituisce ma integra gli altri strumenti consentiti di intervento pubblico sulla base delle norme già vigenti sugli aiuti di Stato.

Si richiama, in particolare, a tal proposito, il Regolamento generale di esenzione per categoria, Regolamento n. 651/2014/UE della Commissione, del 17 giugno 2014, cd. GBER, che dichiara, a date condizioni, alcune categorie di aiuti di Stato compatibili con il mercato interno, esentandole dall’obbligo di notifica preventiva alla Commissione UE.

Si richiama inoltre la disciplina degli aiuti di Stato di importanza minore, cd. “de minimis”, di cui al Regolamento n. 1407/2013/UE e Regolamento n. 1408/2013/UE, come da ultimo modificato dal Regolamento n. 2019/316/UE, per il settore agricolo, e al Regolamento n. 717/2014/UE per il settore ittico.

Inoltre, rimane comunque applicabile la disciplina sugli aiuti di Stato alle imprese in difficoltà, ammissibili alle condizioni previste dai relativi Orientamenti (Comunicazione 2014/C 249/01).

 

Temporary framework: il quadro di riferimento temporaneo per gli aiuti di Stato nell’emergenza Covid

Le misure di sostegno alle imprese adottate in Italia dai decreti legge di marzo-maggio, sono, in prevalenza, di carattere straordinario e temporaneo (fino al 31 dicembre 2020) e autorizzate dalla Commissione UE alla luce del nuovo “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” cd. Temporary Framework (Comunicazione della Commissione europea C (2020) 1863 final e successive modifiche e integrazioni).

Per aiutare l’economia dell’UE e le iniziative dei diversi Stati membri nell’attuale situazione, la Commissione europea ha dunque adottato, il 19 marzo 2020, un nuovo Quadro di riferimento temporaneo per gli aiuti di Stato, volto a consentire agli Stati membri di approntare misure di sostegno alle imprese duramente colpite dalla crisi, sfruttando la flessibilità massima prevista dalle norme sugli aiuti di Stato.

La Comunicazione citata segue e implementa le prime indicazioni già fornite dalla Commissione nella Comunicazione “Risposta economica coordinata all’emergenza COVID-19” del 13 marzo 2020.

 

La Comunicazione C(2020) 2215 final del 3 aprile 2020

Il Temporary Framework è stato poi esteso ed integrato il 3 aprile, con la Comunicazione C(2020) 2215 final e ulteriormente modificato ed esteso con la Comunicazione dell’8 maggio (C(2020 3156 final) e cesserà di essere applicabile il 31 dicembre 2020, tranne che per la disciplina sugli aiuti di Stato alla ricapitalizzazione delle imprese non finanziarie, che sarà efficace sino al 1° luglio 2021.

Prima di tale data potrà essere modificato e prorogato, sulla base di considerazioni di politica della concorrenza o economiche.

E’ recente poi la proposta della Commissione, inviata agli Stati membri per consultazione, (cfr. comunicato stampa del 12 giugno) di estendere ulteriormente la portata del Temporary Framework al fine di autorizzare il sostegno pubblico a tutte le piccole e micro imprese, anche a quelle che…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it