Ammortizzatori sociali e IBAN non corretto

di Antonella Madia

Pubblicato il 13 maggio 2020

Cosa succede se l’IBAN del conto corrente per ricevere la cassa integrazione non è corretto?
L’INPS comunica con un apposito Messaggio quale sarà l’iter “emergenziale” per gestire i numeri IBAN non corretti oppure non intestati alla persona che deve effettivamente percepire i trattamenti di integrazione salariale.

ammortizzatori sociali e iban non correttoIl pagamento diretto delle prestazioni di integrazione salariale: il caso del codice Iban non corretto

Come noto, le prestazioni di integrazione salariale per i lavoratori colpiti dal calo produttivo durante l’emergenza Covid-19 può essere effettuato con la modalità del pagamento diretto, inserendo l’IBAN del soggetto interessato dal trattamento in oggetto nel Modello SR41/43 che viene inoltrato direttamente dal datore di lavoro all’INPS.

Già il Messaggio INPS n. 1508 del 6 aprile 2020 aveva chiarito che è stato eliminato l’obbligo di firma sul Modello in esame e ha fornito specifiche istruzioni anche per la gestione dei controlli sul conto corrente di accredito del trattamento, in particolare, rimandando alla Circolare n. 48 del 29 marzo 2020.

In estrema sintesi, l’abolizione da parte dell’INPS dei modelli “AP03”, “AP04”