Bonus Sud e Decreto Cura Italia: proroga dei canoni leasing

Nelle misure di sostegno finanziario previste dal Decreto Cura Italia a favore delle micro e PMI è compresa anche una misura che proroga il pagamento delle rate di leasing.
Tale circostanza ha fatto sorgere qualche dubbio sull’eventualità di rideterminare il credito d’imposta per gli investimenti in nuovi beni strumentali nelle aree assistite del Paese qualora il riscatto dei beni agevolati possa avvenire, proprio per effetto della proroga, dopo il periodo di vigilanza.
Approfondiamo in questo contributo come e se il Decreto Cura Italia abbia influito su tale credito d’imposta.

Bonus Sud e Decreto Cura ItaliaUn primo esame del Decreto Cura Italia evidenzia che la misura di sostegno riguarda solo il “pagamento” del canone e non la sua maturazione, il che esclude l’eventuale rideterminazione del bonus Sud.

Salvo situazioni alquanto particolari (esempio: esercizio che termina normalmente tra 30 aprile e 30 settembre), nella maggior parte dei casi, la proroga dei pagamenti non ha alcun effetto sul diritto al bonus maturato.

 

Il decreto Cura Italia per il leasing

L’art. 56, comma 2, del decreto legge n. 18/2020 (c.d. “Cura Italia”) prevede, tra le altre misure[1], anche che:

  • il pagamento delle rate di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 è sospeso, a richiesta del debitore, fino al 30 settembre 2020[2];
     
  • il piano di rimborso dei canoni oggetto di sospensione è dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per entrambe le parti;
     
  • è facoltà dell’impresa locataria di sospendere il pagamento dell’intero canone o soltanto della quota capitale.

Nella maggior parte dei casi, si ritiene che gli utilizzatori interessati alla misura finanziaria accederanno alla proroga dei pagamenti per l’intero importo del canone.

 

Il bonus Sud e l’acquisizione in leasing

Il comma 99 dell’art. 1 della legge n. 208/2015 non specifica quali debbano essere le modalità di acquisizione dei beni agevolabili con il credito d’imposta in questione, salvo precisare esplicitamente che sono ammesse le acquisizioni “anche mediante contratti di locazione finanziaria”.

La circolare n. 34/E/2016, inoltre, conferma l’agevolazione ai beni acquisiti con contratto di leasing finanziario in virtù del consolidato principio di tendenziale equivalenza fra l’acquisto diretto e il leasing, chiarendo che gli investimenti effettuati mediante leasing rilevano esclusivamente per l’utilizzatore e non già anche per il concedente.

La norma precisa, inoltre, che, per gli investimenti effettuati mediante contratto di leasing finanziario, si assume il costo sostenuto dal locatore per l’acquisto dei beni senza considerare le eventuali spese di manutenzione (comma 101) e, come già chiarito in occasione dei precedenti similari bonus, senza considerare il prezzo di riscatto e i canoni periodici (circolare n. 34/E/2016 par. 4).

 

La rideterminazione del bonus

Il comma 105 dell’art. 1 della legge n. 208/2015 prevede alcune situazioni che comportano l’obbligo di rideterminare l’ammontare del credito spettante.

In particolare, la decadenza dal diritto e, quindi, la rideterminazione del credito effettivamente spettante consegue a:

  • mancata entrata in funzione dei beni agevolati entro il secondo periodo d’imposta successivo a quello della loro acquisizione o ultimazione;
     
  • dismissione, cessione a terzi e destinazione dei beni agevolati a finalità estranee all’esercizio dell’impresa, entro il quinto esercizio successivo a quello nel corso del quale i beni sono entrati in funzione;
     
  • destinazione dei beni agevolati a struttura produttiva diversa da quella che ha dato diritto all’agevolazione, entro il quinto esercizio successivo a quello nel corso del quale i beni sono entrati in funzione;
     
  • mancato esercizio del riscatto per i beni acquisiti con contratto di leasing.

 

Bonus Sud: mancato esercizio del riscatto e rideterminazione del credito spettante

Relativamente al mancato esercizio del riscatto per i beni acquisti con contratto di leasing finanziario, nelle precedenti occasioni di bonus Sud per gli investimenti nel Mezzogiorno, le norme antielusive si applicavano se non veniva esercitato il riscatto al termine del contratto.

In relazione, invece, al credito d’imposta di cui alla legge n. 208/2015, il par. 8 della circolare n. 34/E/2016 prevede ora che la rideterminazione debba avvenire “anche qualora non venga esercitato il diritto di riscatto entro il periodo di vigilanza”.

Al…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it