Accertamento con adesione: i termini fissati dal Decreto Cura Italia e dall'Agenzia En

Il D.L. 18 del 17 marzo 2020, c.d. Cura Italia, emanato per far fronte all’emergenza Coronavirus, è intervenuto, fra le altre cose, per spostare in avanti una serie di termini che investono i versamenti, gli accertamenti ed il contenzioso.
A seguire è intervenuta anche l’Agenzia delle Entrate, con due circolari, a fornire ulteriori chiarimenti in merito al procedimento dell’accertamento con adesione
In questo intervento proviamo a fare il punto proprio sull’accertamento con adesione: come impatta la sospensione straordinaria dei termini sui procedimenti in corso?

Accertamento con adesione termini fissati dal Decreto Cura Italia

Ritorniamo sull’accertamento con adesione, atteso che l’Agenzia delle Entrate, dopo un flash operato nella circolare n.5/E del 20 marzo[1], ha fornito maggiori chiarimenti con la circolare n.6/E del 23 marzo 2020.

 

Termini per l’accertamento con adesione: la norma straordinaria

L’articolo 67, del D.L.n.18/2020, ha sospeso dall’8 marzo al 31 maggio 2020 i termini relativi alle attività di liquidazione, di controllo, di accertamento, di riscossione e di contenzioso, da parte degli enti impositori.

Inoltre, l’articolo 83, del D.L.n.18/2020, con una norma di ampio respiro – titolata Nuove misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e concernente gli effetti in materia di giustizia civile, penale, tributaria e militare – ha previsto che dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 le udienze dei procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari sono rinviate d’ufficio a data successiva al 15 aprile 2020.

Anticipiamo subito che l’ultimo comma di detto articolo 83, del D.L.n.18/2020, prevede che le disposizioni del presente articolo, in quanto compatibili, si applicano altresì ai procedimenti relativi alle commissioni tributarie.

Il comma 2, dell’articolo 83, ha sospeso inoltre il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020.

In essi vi rientrano specificatamente i termini per la proposizione degli atti introduttivi del giudizio e dei procedimenti esecutivi, i termini per le impugnazioni e, in genere, tutti i termini procedurali.

Ove il decorso del termine abbia inizio durante il periodo di sospensione, l’inizio stesso è differito alla fine di detto periodo (tipo sospensione feriale dei termini).

Quando il termine è computato a ritroso e ricade in tutto o in parte nel periodo di sospensione, è differita l’udienza o l’attività da cui decorre il termine in modo da consentirne il rispetto.

Si intendono altresì sospesi, dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020, i termini per la notifica del ricorso in primo grado innanzi alle Commissioni tributarie e il termine di cui all’articolo 17-bis, comma 2 del D.Lgs.n.546/1992, norma secondo cui il ricorso non è procedibile fino alla scadenza del termine di novanta giorni dalla data di notifica, entro il quale deve essere conclusa la procedura di cui al presente articolo (si applica la sospensione dei termini processuali nel periodo feriale).

Conseguentemente, osserva la circolare n.6/E/ del 23 marzo 2020:

  • per gli avvisi notificati prima del 9 marzo 2020 ed il cui termine di impugnazione era ancora pendente a tale data, il termine per ricorrere resta sospeso dal 9 marzo al 15 aprile, riprendendo gli stessi a decorrere dal 16 aprile;
     
  • per gli avvisi eventualmente notificati tra il 9 marzo e il 15 aprile 2020, l’inizio del decorso del termine per ricorrere è differito alla fine del periodo di sospensione.

Trattasi di una “sospensione straordinaria” che dovrebbe assumere la stessa natura e valenza della sospensione feriale di 31 giorni di cui all’art. 1 della Legge n. 742/1969.

 

Atti di adesione

Come è noto il D.Lgs. n. 218/1997 – articolo 6, comma 2 e articolo 12, comma 2 -, per consentire all’Ufficio ed al contribuente di valutare con la dovuta attenzione il contenuto dell’atto di accertamento cui l’istanza di adesione si riferisce, ha previsto una sospensione di 90 giorni dei termini per ricorrere, decorrenti dalla data di presentazione dell’istanza da parte del contribuente (nel caso di spedizione via posta il termine di sospensione decorre dalla data certa di spedizione).

Per effetto dell’articolo 1 della L. n. 742/1969, come modificato dall’articolo 16, del D.L. n.132/2014, conv., con modif., in L.n.162/2014, i termini per ricorrere sono sospesi dal 1° al 31 agosto.

Già la prima circolare esplicativa dell’istituto dell’accertamento con adesione – la n. 235/E/1997 – aveva…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it