I piani formativi nelle imprese: nuovi finanziamenti

Fondimpresa ha stanziato nuovi fondi a favore delle imprese, diretti alla realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali.

Esaminiamo più in dettaglio come è possibile ottenere i finanziamenti

piani formativi nelle imprese: nuovi finanziamentiEsaminiamo nello specifico come si sviluppano i piani formativi proposti dai seguenti avvisi di Fondimpresa.

Con:

  • l’avviso 02/2019 si prevede l’erogazione di nuovi fondi volti a finanziare la formazione delle PMI di minori dimensioni;
     
  • l’avviso 03/2019 si prevede l’erogazione di contributi per la formazione diretti a favorire il mantenimento dell’occupazione e le nuove assunzioni all’interno di imprese di qualsiasi dimensione.

 

Per entrambi è necessario allegare alla domanda online l’accordo di condivisione tra le parti sociali dei piani formativi.

 

Piani formativi imprese: Avviso 02/2019 – contributo aggiuntivo PMI di minore dimensione

 

Beneficiari

Possono richiedere i contributi aggiuntivi le PMI aderenti a Fondimpresa che rispettano, alla data di presentazione del piano in cui ne fanno richiesta, in forma singola o associata, tutte le condizioni di seguito indicate:

  • adesione a Fondimpresa già efficace;
     
  • aver maturato sul proprio conto formazione, nel periodo di adesione a Fondimpresa, un accantonamento medio annuo (totale maturando), al lordo degli eventuali utilizzi per piani formativi, non superiore a 10 mila euro;
     
  • non avere presentato alcun piano a valere sull’avviso 2/2018 di Fondimpresa, fatto salvo il caso in cui il piano sia stato annullato o respinto e non essere state beneficiarie, dopo il 31 dicembre 2018, di piani finanziati sugli avvisi del conto di sistema salvo il caso in cui il finanziamento sia stato revocato o l’azienda vi abbia rinunciato;
     
  • presenza di un saldo attivo (importo disponibile maggiore di zero) sul proprio conto formazione presso Fondimpresa;
     
  • possesso delle credenziali di accesso all’area riservata per la presentazione dei piani formativi del conto formazione;

 

Requisito oggettivo

I piani formativi finanziati possono essere aziendali o interaziendali.

L’ambito del piano può essere anche multi regionale.

É in ogni caso escluso l’utilizzo nel piano dei voucher formativi.

I piani formativi possono riguardare tutte le tematiche formative, con esclusione delle attività formative organizzate per conformare le imprese alla normativa nazionale obbligatoria in materia di formazione e di ore di formazione che comportano lo svolgimento di attività produttive.

Al piano devono partecipare almeno 5 lavoratori per un minimo di 12 ore di formazione procapite in una o più azioni formative valide.

 

Destinatari della formazione

Sono destinatari delle attività di formazione:

  • i lavoratori dipendenti delle imprese aderenti, per i quali esista l’obbligo del versamento del contributo integrativo di cui all’art. 25 della l. n. 845/1978 e s.m.;
     
  • gli apprendisti, per attività formative diverse dalla formazione obbligatoria prevista dal loro contratto.

 

L’eventuale presenza in formazione di lavoratori privi dei requisiti richiesti per la partecipazione al piano, comporta anche l’applicazione di una riduzione percentuale sul costo rendicontato, commisurata al rapporto tra le ore svolte dai predetti lavoratori ed il totale delle ore di frequenza di tutti i partecipanti (effettivi e non).

 

Spese ammissibili

I costi ammissibili a finanziamento in relazione ai piani formativi vengono determinati, sia a preventivo che a consuntivo, applicando i costi unitari standard previsti dall’avviso e tenendo conto dei seguenti limiti:

A – Erogazione della formazione = almeno l’80% del totale delle voci A+C+D.

C – Attività preparatorie e di accompagnamento ed attività non formative = max 12 % del totale delle voci A+C+D.

D – Gestione del piano = max 8% del totale delle voci A+C+D.

costi effettivi per la voce B – Costo del personale in formazione, possono essere imputati esclusivamente a titolo di apporto privato, solo nel caso in cui l’azienda titolare o contitolare del piano abbia optato per l’applicazione del regolamento n. 651/2014.

Non devono invece essere previsti e imputati dalle aziende che hanno optato per l’applicazione del regolamento “de minimis” n. 1407/2013.

Infine, il costo per ora di corso del piano al netto del costo della voce B personale, calcolato dividendo il costo del piano risultante dalla somma delle voci di spesa ammissibili a finanziamento (A+C+D) per la somma delle ore delle azioni formative valide del piano non può superare, a preventivo e a consuntivo, l’importo massimo di euro 165,00.

 

Presentazione delle domande

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9:00 del 17 febbraio 2020 fino alle ore 13:00 del 20 aprile 2020, salvo esaurimento anticipato delle risorse.

 

Piani formativi imprese: Avviso 3/2019 – politiche attive

 

Interventi finanziabili e beneficiari

Sono previste due tipologie di intervento.

Intervento A: formazione orientativa e/o volta alla qualificazione/riqualificazione dei lavoratori e/o all’aggiornamento delle competenze, finalizzata al reimpiego o a un più proficuo utilizzo dei lavoratori, anche in cassa integrazione straordinaria, di imprese che presentino tensioni occupazionali o criticità accertate relativamente ai volumi di produzione, tali da compromettere la tenuta occupazionale dell’impresa.

Possono richiedere i contributi per questo intervento:

  1. le imprese aderenti beneficiarie dell’attività di formazione dei propri dipendenti;
     
  2. gli enti già iscritti, alla data di presentazione della domanda di finanziamento, nell’elenco dei soggetti proponenti qualificati da Fondimpresa per la categoria I.

 

Intervento B: formazione finalizzata alla qualificazione/riqualificazione e/o all’aggiornamento delle competenze, beneficiata da aziende che in risposta al fabbisogno di figure professionali difficilmente reperibili, procedano a formare disoccupati e/o inoccupati ai fini di una successiva assunzione.

Possono richiedere il contributo per questo intervento le imprese aderenti che hanno necessità di assumere nuove figure professionali con profili di difficile reperimento.

 

Contributo ammesso

I soggetti proponenti, singolarmente, in ATS o in Consorzio, potranno accedere alle risorse dell’avviso mediante presentazione di uno o più piani formativi, il cui valore di contributo cumulativo massimo è fissato in 100 mila euro.

 

Presentazione delle domande

Le domande di finanziamento dovranno pervenire a partire dalle ore 9:00 del 24 febbraio 2020 fino ad esaurimento delle risorse e comunque non oltre le 13 del 31 dicembre 2020.

 

A cura di Giovanna Greco

Venerdì 14 febbraio 2020

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it