Credito di imposta Ricerca e Sviluppo: i controlli ex post del fisco sull'utilizzo

Il presente contributo propone la corretta gestione del Tax credit R&S in vista dei controlli del Fisco finalizzati a verificare la sussistenza delle condizioni di accesso al credito di imposta stesso, nonché la conformità delle attività e dei costi di ricerca e sviluppo effettuati rispetto a quanto previsto nel D.M. 27 maggio 2015.

In questo articolo analizziamo le norme che governano il credito d’imposta e spieghiamo quali sono i controlli che il Fisco effettuerà per contrastare l’utilizzo indebito dell’agevolazione

 

Il Credito di imposta Ricerca e Sviluppo (o Tax Credit R&S)

 

credito imposta ricerca e sviluppo 2019L’articolo 3 del decreto legge n. 145/2013 ha introdotto un incentivo (si veda nota 1) a favore di tutte le imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo.

Il presente contributo analizza la corretta gestione del Credito d’imposta R&S, ossia dell’agevolazione che premia le imprese che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2014 e fino a quello in corso al 31.12.2020 in vista dei controlli del fisco finalizzati a verificare la sussistenza delle condizioni di accesso al credito di imposta (si veda nota 2), nonché la conformità delle attività e dei costi di ricerca e sviluppo effettuati rispetto a quanto previsto nel D.M. 27 maggio 2015.

A tal fine, rimane fermo ogni potere di controllo dell’amministrazione finanziaria circa l’idonea documentazione dell’attività svolta, l’effettività, l’imputazione temporale e la congruità dei costi sostenuti e la sussistenza di eventuali profili simulatori delle operazioni poste in essere.

 

 

Credito d’imposta Ricerca & Sviluppo: l’evoluzione normativa fino al 2019

 

L’incentivo fiscale riconosciuto sotto forma di credito di imposta a qualsiasi tipo di impresa, indipendentemente da forma giuridica, settore economico e regime contabile adottato, che effettua investimenti in attività di ricerca e sviluppo, è stato introdotto nel nostro ordinamento con l’articolo 3 del Decreto Legge 145/2013, convertito, con modificazioni dalla Legge 9/2014, integralmente sostituito dall’articolo 1, comma 35 della Legge 190/2014 (Legge di Stabilità 2015) e attuato con il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico del 27 maggio 2015 (VD circolare n. 5/E del 16 marzo 2016).

 

Con la Legge di Bilancio 2017 e con i successivi chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate attraverso la Circolare n. 13/E del 27/04/2017, l’agevolazione è stata interessata da un ulteriore intervento.

La Circolare n. 13/E del 27 aprile 2017 dell’Agenzia delle Entrate precisa che:

  • per le imprese con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, l’agevolazione spetta anche per gli investimenti effettuati nel periodo d’imposta 2020;
  • per i soggetti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare, gli investimenti agevolabili sono quelli effettuati a decorrere dal periodo d’imposta 2015-2016 e fino al periodo d’imposta 2020-2021.

 

La circolare n. 13/E ribadisce che per i soggetti neocostituiti, con inizio delle proprie attività tra il periodo d’imposta 2017 e il periodo d’imposta 2020, l’aliquota del 50% andrà applicata al valore complessivo delle spese sostenute nei periodi d’imposta agevolabili, in quanto non esiste la media di confronto relativa al triennio 2012 – 2014.

 

Imprese residenti che eseguono attività di ricerca e sviluppo per committenti non residenti

L’Agenzia delle Entrate ha precisato anche che:

  • le imprese commissionarie residenti che svolgono attività di ricerca e sviluppo per conto di committenti non residenti sono equiparate, alla luce delle novità introdotte, ai soggetti residenti che effettuano investimenti per conto proprio;
  • non rileva il corrispettivo contrattuale pattuito con il committente estero ma, come nel caso di investimenti effettuati in proprio, devono essere prese in considerazione le spese sostenute appartenenti alle categorie di spesa ammissibili previsti dalla normativa;
  • l’applicazione della nuova norma riguarda anche le spese sostenute a decorrere dal periodo d’imposta 2017, ma relative a contratti stipulati in precedenza e ancora in corso di esecuzione;
  • l’agevolazione non spetta nel caso in cui il soggetto committente sia un’impresa residente, in quanto in questo caso le spese assumono già rilevanza per quest’ultimo come spese di ricerca…
Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it