Fattura elettronica: data documento uguale alla data di emissione o alla data dell’operazione?

Fattura elettronica: data documento uguale alla data di emissione o alla data dell’operazione?Si assiste in questi giorni soprattutto sui social network (come il Gruppo Facebook del commercialista Telematico) ad innumerevoli discussioni circa la data che deve comparire sulla fattura elettronica come data di formazione del documento dopo le modifiche apportate all’art. 21 del DPR 633/72 che entreranno in vigore il 1° luglio 2019.

Le opinioni sono contrastanti e l’Agenzia Entrate ancora non si è espressa in modo definitivo.
Pur facendovi rimanere al termine di questo articolo sicuramente nel dubbio, al di là della mia personale posizione in merito, vorrei sottoporvi alcune riflessioni.

Come sappiamo l’art. 11, comma 1, del D.L. 119/2018 convertito dalla Legge 136/2018, introduce, con la lettera a), nel comma 2 dell’art. 21 del DPR 633/72 la lettera g-bis) che così dispone in merito ai dati obbligatori da indicare in fattura: “g-bis) data in cui è effettuata la cessione di beni o la prestazione di servizi ovvero data in cui è corrisposto in tutto o in parte il corrispettivo, sempreché tale data sia diversa dalla data di emissione della fattura”; con la lettera b) invece modifica il comma 4) dello stesso art. 21 disponendo che “La fattura è emessa entro dieci giorni dall’effettuazione dell’operazione determinata ai sensi dell’articolo 6”.

Entrambe le modifiche all’art. 21 entrano in vigore il 1° luglio 2019, come disposto dal comma 2 dello stesso art. 11.
Considerando che lo stesso articolo 21, comma 1, ultimo periodo, del DPR 633/72 dispone che “La fattura, cartacea o elettronica, si ha per emessa all’atto della sua consegna, spedizione, trasmissione o messa a disposizione del cessionario o committente” sorge spontaneo il quesito sollevato sui social network di cui si è accennato all’inizio.

Supponiamo una situazione che possa fungere da esempio: se una prestazione di servizi viene pagata il 20 agosto 2019 e la fattura elettronica viene predisposta il 30 agosto 2019 (entro 10 giorni) che data fattura deve essere indicata sul documento? Quella del 20/08/2019 (data di effettuazione dell’operazione) o quella del 30/08/2019 (data di formazione ed emissione del documento) con conseguente indicazione in fattura anche della effettiva data della prestazione?

Di questo problema si è discusso al Forum dell’Agenzia delle Entrate sulla fattura elettronica a Roma il 5/12/2018. E’ stato poi fatto una specie di referendum all’interno del Forum stesso per conoscere l’opinione prevalente dei partecipanti.

Il problema (che si porrà dal prossimo 1 luglio) si risolve dal punto di vista legislativo con l’art. 21 del DPR 633/72 che è abbastanza chiaro nell’affermare che la fattura immediata può essere emessa (quindi consegnata, spedita, trasmessa, messa a disposizione del cessionario/committente) entro 10 giorni dal momento impositivo di avvenuta operazione (anziché entro le ore 24 come oggi) e, se ciò viene fatto, la data fattura (data emissione) sarà, come dovrebbe essere, quella del giorno in cui viene spedita e nel corpo fattura andrà indicata, in un apposito campo, la data operazione rilevante ai fini della liquidazione e del versamento dell’imposta.
L’Agenzia delle entrate, moderatrice al Forum nelle persone del dott. Piancaldini e del Vicedirettore dott. Savini, ha posto, come detto, un quesito (tipo referendum) con due possibili soluzioni.

IPOTESI N. 1: interpretazione “letterale” della norma: compilazione della fattura elettronica con «data emissione/trasmissione» + «data operazione» nel caso di emissione successiva al giorno di effettuazione operazione con la conseguenza: modifica del tracciato XML con introduzione del campo «data operazione» + conseguente modifica software gestionali e di predisposizione della fattura elettronica.

IPOTESI N. 2: interpretazione “flessibile” della norma: compilazione della fattura elettronica con «data fattura» sempre coincidente con «data operazione» e «data emissione/trasmissione» attestata dal Sistema di Interscambio…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it