Il lieve inadempimento dei debiti tributari non è retroattivo

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n.26632 del 9 novembre 2017, n. 26631 ha ritenuto che il lieve inadempimento, introdotto dal D.Lgs. n. 159/2015, non abbia carattere retroattivo.
Il fatto
Con ricorso in Cassazione l’Agenzia delle Entrate ha impugnato la sentenza della CTR della Puglia, in tema di decadenza dal beneficio della rateizzazione richiesta ai sensi dell’art. 3-bis del d.lgs. n. 462/97, lamentando la violazione di norme di legge, in particolare, la violazione degli artt. 3 e 15 del D.Lgs. n. 159/15, in quanto, erroneamente, i giudici d’appello, avrebbero ritenuto applicabile la normativa di cui alla rubrica sugli inadempimenti di lieve entità dei debiti tributari, quando la normativa è applicabile, per espresso disposto normativo per i debiti tributari a decorrere dal 31.12.2014 (art. 15 comma 4 del citato disposto), mentre, nella fattispecie, la dichiarazione …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it