DURC: sgravi e benefici

di Antonella Madia

Pubblicato il 26 ottobre 2017

ulteriori chiarimenti da parte dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro con riferimento alla perdita degli sgravi e benefici accordati, non solo qualora manchi il DURC ma anche qualora in fase ispettiva si accerti la presenza di violazioni

Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditateLa nota INL con le istruzioni operative

La Circolare n. 3 dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro del 18 luglio scorso ha fornito indicazioni con riferimento a quanto previsto dall'articolo 1, comma 1175, della Legge n. 296 del 2006. In particolare, il tema che l'Ispettorato Nazionale ha sentito il dovere di trattare nuovamente con la nota Prot. 255/2017/RIS del 17 ottobre 2017 riguarda il recupero di benefici normativi e contributivi, qualora non spettanti: ciò deriva infatti da quanto previsto con l'articolo 1, comma 1175, della Legge n. 296/2006 (Legge Finanziaria 2007), per cui si stabilisce che a decorrere dal 1° luglio del 2007 i benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale sono subordinati al possesso del DURC da parte dei datori di lavoro, fermi restando il rispetto di tutti gli accordi e contratti collettivi nazionali, regionali, territoriali o aziendal