L'IRI (tassazione al 24% fisso del reddito d'impresa) anche per i soggetti IRPEF - i chiarimenti dopo Telefisco

Come è noto, i commi 547 e 548, dell’art.1, della cd. Legge di Stabilità 2017 (L. 231 dell’11 dicembre 2016), novellando in più parti il T.U. n. 917/1986, recano la disciplina della nuova imposta sul reddito d’impresa (IRI,- da calcolare sugli utili trattenuti presso l’impresa, per gli imprenditori individuali e le società in nome collettivo ed in accomandita semplice in regime di contabilità ordinaria.
Come si legge nella relazione illustrativa del provvedimento, la revisione dell’imposizione va nella direzione dell’uniformità di trattamento con le società di capitali, rendendo più neutrale il sistema tributario rispetto alla forma giuridica, favorendo, altresì, la patrimonializzazione delle piccole imprese, in continuità con la normativa sull’aiuto alla crescita economica (ACE).
In sintesi, come rilevato dalla relazione illustrativa, il nuovo sistema intende perseguire i seguenti effetti…
Continua a leggere nel PDF…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it