Studi di settore: il quadro T e la multiattività

Nel quadro T è prevista l’indicazione delle ulteriori informazioni, relative ai periodi di imposta 2012, 2013 e 2014, necessarie ad adeguare le risultanze dello studio di settore alla specifica situazione di crisi economica.
Nel modello Unico 2016, relativo all’annualità 2015, viene introdotto un nuovo correttivo relativo agli indicatori di coerenza economica che impatta sulla compilazione del quadro T “congiuntura economica” del modello studi di settore (è stata confermata la presenza del quadro T, congiuntura economica, per gli studi di settore di quei soggetti che applicano le funzioni di compenso basate sul tempo e sulle spese).
Pertanto, come indicato dalla circolare dell’Agenzia n. 24/2016, i correttivi che GERICO applica al quadro T sono i seguenti:
– correttivi di coerenza economica;
– correttivi per l’analisi delle scorte;
– correttivi congiunturali di settore;
– correttivi congiunturali territoriali e correttivi congiunturali individuali.
Anche la casistica dello svolgimento di più attività da parte del contribuente può destare alcuni dubbi compilativi necessitando pertanto di focalizzare l’attenzione su alcuni aspetti fondamentali.
IMPRESE: IL QUADRO T – CONGIUNTURA ECONOMICA
La compilazione del quadro T risulta utile per l’applicazione del correttivo individuale e del correttivo Congiuntura economica.
–> Continua nel pdf –&gt…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it