Il credito di imposta esposto in dichiarazione non si consolida col passare del tempo

di Gianfranco Antico

Pubblicato il 27 giugno 2016

la decadenza del potere di rettificare la dichiarazione integrativa non incide sul procedimento di rimborso di eventuali crediti d'imposta: il contribuente che ritiene di avere versato una somma superiore a quanto dovuto ha l’onere di dimostrare l’inesistenza totale o parziale dell’obbligo di versamento, mentre il fisco può comunque far emergere fatti impeditivi della richiesta nonostante il decorso del termine di accertamento

pagamenti-commercialista-telematico-2La decadenza del potere di rettificare la dichiarazione integrativa non incide sul procedimento di rimborso di cui all’art. 38 DPR n. 602 del 1973, secondo cui il contribuente, che ritiene di avere versato una somma superiore a quanto dovuto, ha l’onere di dimostrare l’inesistenza totale o parziale dell’obbligo di versamento, ma l’Amministrazione può comunque far emergere fatti impeditivi della richiesta nonostante il decorso del termine di accertamento.

Sono queste le conclusioni cui giunge la Cassazione nella sentenza n.10476 del 20 maggio 2016.

Nel caso in esame, con la dichiarazione rettificativa presentata, una società esponeva in dichiarazione un rimborso circa 140 milioni di vecchie lire per imposta sostitutiva sui titoli industriali versata in eccedenza.

Sia in primo che in secondo grado venivano accolte le do