Reverse e charge e consorzi: a che punto siamo?

Pubblicato il 17 maggio 2016

la legge di Stabilità del 2016 ha esteso l’applicabilità dell’inversione contabile per le prestazioni rese dalle società consorziate nei confronti del relativo consorzio; tuttavia tale disposizione è al momento non applicabile in attesa del parere della Commissione Europea

sul-filo-immagineLa legge di Stabilità del 2016 ha esteso l’applicabilità dell’inversione contabile per le prestazioni rese dalle società consorziate nei confronti del relativo consorzio. La disposizione è teoricamente in vigore, ma in concreto l’efficacia è ancora sospesa essendo necessario il via libera della Commissione europea.

Il legislatore è intervenuto con l’approvazione dell’art. 1, comma 128 della legge 28 dicembre 2015, n. 208, che ha ampliato l’ambito applicativo del reverse charge aggiungendo nel corpo dell’art. 17, comma 6 in rassegna, la nuova lettera a – quater).

La nuova norma è applicabile subordinatamente alla sussistenza dei presupposti ivi previsti. In primis è necessario che il consorzio, che beneficia delle prestazioni rese dalle consorziate, si sia reso aggiudicatario di una commessa nei confronti di un ente pubblico al quale il predetto consorzio è tenuto ad emettere la fattura in regime di split payment.

La dispos