Raddoppio dei termini di accertamento e notifica della notizia di reato

toto-carcere-immagineABSTRACT

In fibrillazione le disposizioni che disciplinano i termini di notifica degli accertamenti.

A seguito della rigidissima sentenza della Corte Costituzionale (sentenza 247/2011) il legislatore è corso ai ripari per riportare nel giusto equilibrio il rapporto Agenzie delle Entrate vs. contribuente con riferimento ai termini di accertamento.

Due gli interventi in rapida sequenza: Art. 3 d.Lgs. 128/2015 e commi 130-132 della Legge di stabilità 2016.

In tal coacervo di disposizioni interviene il giudice di merito che individua il principio di sequenza delle disposizioni e che, di fatto, RI-BLOCCA gli atti di accertamento relativi ai periodi di imposta fino al 2015 notificati oltre i termini ordinari in mancanza della comunicazione della notizia di reato nei termini ordinari…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it