Rivoluzione nel bilancio: nuovi criteri di valutazione per crediti, debiti, titoli... criterio del costo ammortizzato

nuovi criteri di valutazione in bilancio per crediti, debiti, titoli: analizziamo come utilizzare il criterio del ‘costo ammortizzato’ con esempi pratici di scritture contabili

crediti-immPrincipali novità per i bilanci 2016:

  • i crediti;
  • i debiti;
  • i titoli;

devono essere valutati con il criterio del costo ammortizzato, come prevede il nuovo art. 2426 del codice civile riformulato dal D.Lgs. 139/2015, di recepimento della direttiva 34/2013.

Ecco i casi principali di utilizzo del costo ammortizzato:

  • i titoli (di debito) non saranno più valutati al costo di acquisto;
  • i crediti non più solo al valore di presumibile realizzo;
  • i debiti non più al valore nominale; possibilità che, tuttavia, rimane per le imprese che redigono il bilancio in forma abbreviata
  • per gli strumenti finanziari derivati l’Oic 31 prevede che le perdite, se probabili, devono essere evidenziate nel bilancio tramite l’accantonamento a un fondo.

13 aprile 2016

Giancarlo Modolo

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it