La vigilanza del Collegio Sindacale nel concordato preventivo

di Maria Benedetto

Pubblicato il 25 novembre 2015

per i membri del collegio sindacale l'apertura di una procedura di concordato preventivo è sempre un momento critico, sopratutto per quanto riguarda la propria resposnabilità professionale: un piccolo vademecum per il comportamento corretto da parte dei sindaci

Durante le fasi di accertamento della crisi e di adozione del concordato preventivo, il Collegio Sindacale mantiene un ruolo attivo seppure più limitato rispetto a quello normalmente svolto nella società in bonis: vigila sull’operato degli amministratori, collabora con gli organi nominati dal tribunale, vigila sulla correttezza dei documenti preparatori del piano e sulla sua corretta esecuzione, informa il commissario giudiziale delle eventuali irregolarità riscontrate nell’espletamento delle proprie funzioni.

Rif. Normativi: Artt. 67, 152,160,161,167 e 185 l. fall.; art. 2403 c.c..

La vigilanza sul concordato preventivo

Quale ruolo attribuire al Collegio Sindacale nella fase di accesso allo strumento di soluzione della crisi adottato dagli amministratori quando si fa ricorso al concordato preventivo?

Il Collegio Sindacale durante la fase di concordato preventivo, rimane in carica, e deve svolgere tutte le sue funzioni.

La dottrina ritiene che il Collegio Sindacale abbia il solo compito di verificare i requisiti professionali del professionista, mentre non deve avere un ruolo attivo né esprimere un giudizio.

Secondo questa tesi , il Collegio Sindacale non deve partecipare alla predisposizione del piano.

Seguendo invece una interpretazione più interventista del ruolo del collegio sindacale si evidenziano i principali doveri di controllo da esercitarsi in questa fase particolarmente delicata per la vita dell’impresa:

  • Accertare la sussistenza dei requisiti di professionalità in capo al soggetto incaricato di attestare la veridicità dei dati e la fattibilità del piano concordatario;

  • Evidenziare eventuali carenze informative e rilievi tecnici sui dati espressi dall’attestatore, pur senza spingersi ad esprimere un proprio giudizio sul piano.

Una volta che la s