Avvio di indagini finanziarie sul contribuente: niente autorizzazione, né esibizione, né motivazione

Con l’ordinanza n. 19961 del 6 ottobre 2015 (ud. 24 giugno 2015) la Corte di Cassazione torna ad affrontare una questione sicuramente delicata nell’ambito del controllo da indagini finanziarie: l’autorizzazione.
Il fatto trae origine dalla decisione del giudice di appello che aveva ritenuto fondata la preliminare eccezione di nullità dell’avviso per la mancata allegazione dell’atto autorizzativo all’acquisizione dei dati bancari (omissione che non aveva consentito di individuare le ragioni poste a base dell’utilizzo mezzo istruttorio, con conseguente violazione dell’obbligo di motivazione). Nel caso di specie, comunque, l’atto di autorizzazione alle indagini bancaria era stato regolarmente indicato nell’avviso di accertamento…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it