Autotutela sempre impugnabile

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 5 settembre 2015

l’atto con cui l’ufficio finanziario annulla parzialmente l’accertamento è impugnabile in quanto il contribuente non può privarsi della possibilità di difesa in ordine a tale atto

L’atto con cui l’ufficio finanziario annulla parzialmente l’accertamento è impugnabile in quanto il contribuente non può privarsi della possibilità di difesa in ordine a tale atto.

Quanto precede è contenuto nella sent. n. 14243/2015 da cui emerge, a maggiore garanzia del contribuente, che deve essere riconosciuta la possibilità di ricorrere al giudice tributario avverso tutti gli atti adottati dall’ente impositore anche nel caso di atti adottati in autotutela.



Autotutela: concetto e poteri

L’autotutela è il potere-dovere di correggere o eliminare, su propria iniziativa o su istanza del soggetto che ne ha interesse, gli atti già posti in essere, che, tuttavia, possono risultare illegittimi o infondati ad un successivo esame. L’applicazione dell’istituto in esame determina una deflazione del contenzioso tributario, con relativo risparmio delle spese di soccombenza e miglioramento dei rapporti tra amministrazione e contribuenti. L’art. 97 della Costituzione riconosce tale potere, che sancisce i principi di buon andamento ed imparzialità dei pubblici