La cartella non è annullabile d'ufficio dal giudice

La cartella di pagamento o il ruolo contenenti le sanzioni non sono annullabili dal giudice d’ufficio se non è il contribuente a farne richiesta. La Suprema Corte con la sent n. 12768/2015 ha affermato che la generica richiesta di accertamento della non debenza delle sanzioni contenuta nel ricorso introduttivo non vale nel giudizio tributario al fine di comprendere nelle decisione anche vizi di nullità del ruolo o della cartella.
E’ bene soffermarsi sulla natura del processo tributario riconoscendo allo stesso natura di giudizio impugnatorio e quindi amministrativo ossia di giudizio sul provvedimento, ma per il quale il giudice che è chiamato ad esaminare quell’atto ha un potere di merito nel senso che gli è consentito valutare non solo, come avviene nel giudizio amministrativo, i profili di legittimità formale dell’atto …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it