La trasmissione telematica dei corrispettivi e prossime politiche fiscali

di Nicola Forte

Pubblicato il 13 maggio 2015

nel recente Convegno Nazionale dei Commercialisti l'Agenzia delle entrate ha illustrato come intende procedere ad una maggior telematizzazione delle procedure fiscali per migliorare la qualità dei controlli, tuttavia lasciando in ombra il quadro delle semplificazioni fiscali che appaiono necessarie a fronte degli sforzi richiesti a contribuenti e consulenti

 

Nel corso del recente convegno tenuto a Rimini nei giorni 6 e 7 maggio, ed organizzato dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili, il Direttore dell’Agenzia delle entrate Rossella Orlandi ha fatto il punto della situazione sulla delega tributaria.

Uno dei temi oggetto di maggiore interesse nel corso del suo intervento ha preso in esame l’ultimo intervento Governativo in tema di fatturazione elettronica. E’ emerso chiaramente che il forte impulso al maggiore utilizzo degli strumenti telematici è solo all’inizio. Con l’intento di semplificare realmente il sistema tributario tutte le parti saranno tenute, secondo la Orlandi, ad uno sforzo supplementare superando eventuali diffidenze all’uso (sempre maggiore) degli strumenti telematici.

 

Per ora la strada scelta dal legislatore è stata quella di riconoscere una serie di benefici fiscali ai contribuenti