Il problema delle dichiarazioni di terzi nel processo tributario

Sono sempre più frequenti gli interventi della Corte di Cassazione in materia di dichiarazioni di terzi.
Fra gli ultimi annotiamo la sentenza n. 27314 del 23 dicembre 2014 (ud. 11 novembre 2014), con cui la Corte di Cassazione ha confermato il proprio orientamento in ordine al valore delle dichiarazioni rese in sede di verifica fiscale. “Nel processo tributario, le dichiarazioni del terzo – acquisite dalla polizia tributaria o da funzionari accertatori dell’Ufficio nel corso di un’ispezione e trasfuse nel processo verbale di constatazione, a sua volta recepito dall’avviso di accertamento – hanno, invero, almeno in via di principio, un valore meramente indiziario, concorrendo a formare il convincimento del giudice, qualora confortate da altri elementi di prova. Tuttavia, tali dichiarazioni del terzo possono, nel concorso di particolari circostanze ed in ispecie quando …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it