Notifica a mezzo posta: spetta al concessionario provare l’esatto contenuto della busta contenente la cartella di pagamento

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 19 febbraio 2015

una recentissima sentenza della Cassazione afferma che in caso di notifica a mezzo posta spetta al concessionario provare l’esatto contenuto della busta contenente la cartella di pagamento!

In caso di notifica a mezzo posta spetta al concessionario provare l’esatto contenuto della busta contenente la cartella di pagamento.

Quanto sopra è contento nella sent. n. 2625/2015 Cass. da cui emerge che il concessionario deve dimostrare il contenuto della raccomandata in cui è custodita la cartella di pagamento nel rispetto dei principi costituzionali di collaborazione e buona fede con il contribuente.

La notifica in ambito tributario è disciplinata dagli artt. 137 e ss. del Cpc, a cui si richiama l’art. 16, c. 2, del D.lgs n. 546/1992. L’attività di notifica può essere eseguita, oltre che a mezzo