Il valore processuale penale del PVC redatto dalla Guardia di Finanza

di Nicola Monfreda

Pubblicato il 18 febbraio 2015

l'utilizzabilità del processo verbale di constatazione redatto dai militari della Guardia di Finanza nella fase dibattimentale del processo penale, come è ben noto, è stato oggetto nel corso del tempo di diverse pronunce giurisprudenziali che ne hanno delineato condizioni e limiti: analisi della recente giurisprudenza

L’utilizzabilità del processo verbale di constatazione (redatto dai militari della Guardia di Finanza) nella fase dibattimentale del processo penale, come è ben noto, è stato oggetto nel corso del tempo di diverse pronunce giurisprudenziali che ne hanno delineato condizioni e limiti.

Pertanto, premesso che:

  • ai sensi dell’art. 24 della Legge 7 gennaio 1929, n. 4 (recante “Norme generali per la repressione delle violazioni delle leggi finanziarie”), le violazioni delle norme contenute nelle leggi finanziarie sono constatate mediante processo verbale;

  • in virtù del combinato disposto degli artt. 52 del D.P.R. n. 633/1972 e 33 del D.P.R. n. 600/1973, di ogni accesso – effettuato nella fase di controllo – deve essere redatto processo verbale da cui risultino le ispezioni e le rilevazioni eseguite, le richieste fatte al contribuente o a chi lo rappresenta e le risposte ricevute;

  • secondo quanto previsto dall’art. 20 del D.Lgs. n. 74/2000, il procedimento amministrativo di accertamento ed il processo tributario non possono essere sospesi per la pendenza del procedimento penale avente ad oggetto i medesimi fatti o fatti dal cui accertamento comunque dipende la relativa definizione;

  • l’art. 220 delle disposizioni di attuazione del c.p.p. dispone che “quando nel corso di attività ispettive o di vigilanza previste da leggi o decreti emergono indizi di reato, gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant'altro possa servire per l'applicazione della legge penale sono compiuti con l'osservanza delle disposizioni del codice”.

 

Si reputa opportuno riportare in sintesi i principi desumibili, al riguardo, dall’analisi delle principali statuizioni, anche alla