L’iscrizione VIES con effetto immediato ma anche la cancellazione è automatica

di Nicola Forte

Pubblicato il 13 gennaio 2015

una delle principali novità del decreto Semplificazioni è quella che riguarda l'automaticità dell'iscrizione al VIES per il contribuente che ne fa richiesta

Non è sanzionabile il comportamento posto in essere dal contribuente che in passato, pur non essendo decorso il termine di trenta giorni dalla richiesta di iscrizione nel VIES, ha posto in essere operazioni intracomunitarie.

 

La violazione risulta così superata per effetto delle novità prevista dall’art. 22 del D.Lgs n. 175/2014 che, modificando il testo dell’art. 35 del Decreto Iva, prevede l’immediata efficacia della richiesta di iscrizione nel VIES senza che sia necessario attendere, come in passato, il termine di trenta giorni entro cui l’Agenzia delle entrate può effettuare il controllo della posizione del contribuente.

Pertanto se il contribuente non ha atteso il decorso del termine di trenta giorni prima dell’entrata in vigore della novità (del D.Lgs n. 175/2014) le operazioni intracomunitarie devono considerarsi correttamente effettuate. Qualora il locale ufficio abbia ritenuto le predette operazioni soggette ad Iva secondo la disciplina “domestica” irrogando le relative sanzioni ed il provvedimento di irrogazione delle penalità non sia divenuto definitivo, il contribuente potrà ottenere