Ricavi non dichiarati? La prova passa al contribuente

In caso di ricavi non dichiarati che hanno prodotto un accertamento indiretto l’onere della prova è a carico del contribuente.
Tale principio è contenuto nella sent. n. 17714/2014 della CTP di Roma da cui emerge che in caso di accertamento induttivo emesso per il conseguimento di ricavi non dichiarati, a seguito di verbale della Gdi F, è sempre il contribuente a dover fornire la prova contraria dell’addebito dell’ufficio.
In caso di violazioni gravi l’articolo 39, comma 2, del Dpr 600/1973, prevede che l’ufficio può procedere alla rettifica delle dichiarazioni dei redditi facendo ricorso a presunzioni semplici che non abbiano i caratteri di gravita, precisione e concordanza.
Nel caso di specie la società contribuente ha impugnato l’avviso di accertamento per presunti ricavi non dichiarati eccependo la mancata …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it