Enti locali: le novità per il fondo crediti di dubbia esigibilità

già a decorrere dal bilancio di previsione per l’anno 2012 gli enti locali dovevano istituire un “Fondo svalutazione crediti” o “Fondo crediti di dubbia esigibilità” di importo non inferiore al 25% dei residui attivi

L’articolo 6, c. 17 D.L. 6 luglio 2012, n.5 il cosiddetto decreto “Spending review”, convertito nella Legge n.135/2012, imponeva agli enti locali, già a decorrere dal bilancio di previsione per l’anno 2012, di istituire un “Fondo svalutazione crediti” o “Fondo crediti di dubbia esigibilità” di importo non inferiore al 25% dei residui attivi del Titolo I e III dell’entrata aventi un’anzianità superiore a 5 anni (ossia relativi agli anni dal 2006 e precedenti).

Per i residui, per i quali l’organo di revisione abbia analiticamente certificato la perdurante sussistenza delle ragioni del credito e l’elevato tasso di riscuotibilità, sulla documentazione dei relativi responsabili dei servizi competenti, potevano essere esclusi dal calcolo per la determinazione del Fondo crediti di dubbia esigibilità (FCDDE).

Tale norma ha, di fatto, anticipato l’obbligo dell’iscrizione del Fondo crediti di dubbia esigibilità, così come previsto dal Decreto Legislativo del 23 giugno 2011, n. 118, che disciplina l’armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle regioni e degli enti locali.

L’esplicito richiamo al D.Lgs. 118/2011, inoltre, imponeva di vincolare l’avanzo di amministrazione del 2012 per un importo pari alla quota del Fondo crediti di dubbia esigibilità iscritta in bilancio.

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità, in contabilità finanziaria, deve intendersi come un fondo rischi diretto ad evitare l’utilizzo di entrate di dubbia e difficile esazione.

Il principio della contabilità finanziaria allegato al DPCM 28 dicembre 2011, in attuazione del D.Lgs. 118/2011, per gli enti in sperimentazione, prevede che l’accantonamento al fondo non sia oggetto di impegno, ma a tutti gli effetti generi un’economia di bilancio che confluisce, appunto, nell’avanzo di amministrazione come quota vincolata.

Nel principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria (allegato 4.2 al D.Lgs. 118/2011) sono fissati i principi da seguire per l’accertamento e la formazione del Fondo crediti di dubbia esigibilità:

  • sono accertate per l’intero importo del credito anche le entrate di dubbia e difficile esazione, per le quali non è certa la riscossione integrale, quali, ad esempio, le sanzioni amministrative al codice della strada, gli oneri di urbanizzazione, i proventi derivanti dalla lotta all’evasione…

  • per le entrate di dubbia e difficile esigibilità è vietato il c.d. accertamento per cassa.

Non richiedono il relativo accantonamento al fondo, in quanto considerate entrate certe:

  • i trasferimenti dalla altre Pubbliche Amministrazioni, in quanto entrate destinate ad essere accertate a seguito dell’assunzione dell’impegno dall’Amministrazione erogante;

  • i crediti assistiti da fidejussione;

  • le entrate tributarie, che sulla base dei nuovi principi, sono accertate per cassa.

Quindi, a regime, ed ai sensi del nuovo articolo 167 del Tuel, nei bilanci di previsione, andranno individuate le tipologie di entrate stanziate e che possono dare luogo a crediti di dubbia e difficile esazione, quindi, andrà calcolata per ciascuna entrata la media del rapporto tra gli incassi in conto competenza e gli accertamenti degli ultimi 5 esercizi ed, infine, verrà determinato l’importo dell’accantonamento al fondo.

Per le entrate di nuova costituzione, per le quali non esiste uno storico, nel primo anno la quantificazione del fondo è rimessa alla prudente valutazione dell’ente stesso.

Va sottolineato come, in corso d’esercizio e almeno in sede di assestamento del bilancio va verificata e costantemente monitorata la congruità del fondo complessivamente accantonato nell’avanzo, apportando, se necessario, eventuali adeguamenti dei relativi accantonamenti.

In sede di rendiconto e del controllo della salvaguardia degli equilibri viene verificata la congruità del fondo esistente con riferimento al totale complessivo dei residui (ossia la sommatoria degli accertamenti dell’esercizio e i residui dell’esercizio…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it