Le indagini finanziarie dopo accesso non autorizzato

L’accesso in locali a uso cosiddetto “misto” (per esempio, abitazione e studio professionale insieme) senza la prescritta autorizzazione della Procura della Repubblica comporta la nullità dei soli atti consequenziali e collegati all’attività espletata illegittimamente. Sicché deve ritenersi comunque valido l’accertamento basato sull’eventuale documentazione bancaria reperita nel corso dell’accesso illegittimo se l’Ufficio è stato successivamente autorizzato ad effettuare le indagini finanziarie nei confronti del contribuente. In sostanza, l’esigenza di conservazione dell’attività amministrativa prevale sul mancato rispetto di norme procedimentali, a condizione che non risulti leso il diritto di difesa del contribuente. È quanto emerge dalla sentenza 29 maggio 2013, n. 13319, della Corte di Cassazione – Sezione Tributaria.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it