Redditometro: la correlazione fra entrate del contribuente e spese sostenute

di Ignazio Buscema

Pubblicato il 25 marzo 2014

in caso di accertamento sintetico, gli uffici, nella prassi operativa, pretendono il collegamento tra le disponibilità finanziarie del contribuente e la spesa sostenuta; tale prova è dovuta per dimostrare la propria capacità contributiva oppure no?

Prassi

In tema di accertamento sintetico, gli uffici nella prassi operativa pretendono il collegamento tra la disponibilità e la spesa sostenuta. Secondo il fisco la presunzione di maggior reddito che l’ufficio finanziario fondi sulla spesa per incrementi patrimoniali sproporzionata rispetto ai redditi dichiarati dal contribuente può essere vinta dando, allo stesso tempo, sia la dimostrazione documentale del possesso del maggior reddito determinato sinteticamente, sia la prova del suo impiego per affrontare la spesa in questione. Quanto alla prova liberatoria a carico del contribuente per contrastare l'accertamento sintetico, non è sufficiente la dimostrazione dell'esistenza di disponibilità finanziarie ovvero è necessaria l'ulteriore dimostrazione che proprio quelle disponibilità finanziarie siano state utilizzate per sostenere le spese poste a fondamento dell'accertamento da parte del Fisco (c.d. nesso eziologico tra spese effettuate e disponibilità finanziarie).

Nel caso in cui il denaro utilizzato per l'acquisto sia di un terzo soggetto occorre, che il contribuente dia contezza della tracciabilità del denaro, non bastando la sola affermazione che l'incremento patrimoniale è fratto di un prestito o di un regalo. Il legislatore individua l'oggetto della prova liberatoria a carico del contribuente unicamente nella (dimostrazione della) identità della spesa per incrementi patrimoniali con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta; per la norma, quindi, non è sufficiente la prova della sola disponibilità di redditi ma è necessario anche la prova che la spesa per incrementi patrimoniali sia stata sostenuta, non già con qualsiasi altro reddito (ovviamente dichiarato), ma proprio con redditi "redditi esenti o ... soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta". Senza la prova anche del