Mediazione tributaria: dal prossimo 2 marzo cambia il computo dei termini

L’art. 17-bis, del D.Lgs. n. 546/92, ha previsto, per le controversie di valore non superiore a ventimila euro, relative ad atti dell’Agenzia delle entrate, notificati a decorrere dal 1° aprile 2012, l’istituto del reclamo/mediazione.
La Legge di Stabilità 2014 (art. 1, c. 611, lett. a, L. n. 147 del 27 dicembre 2013) ha apportato diverse modifiche all’art. 17-bis, del D.Lgs.n.546/92; in particolare, ha inciso, fra l’altro, sul comma 9, dell’articolo 17-bis, in ordine al computo dei termini.
La novità, unitamente alle altre appena introdotte1, si applicano agli atti notificati dal 2 marzo 2014.
 
L’ISTANZA DI MEDIAZIONE
Con l’istanza proposta, il contribuente può, innanzitutto, reclamare l’annullamento, totale o parziale, dell’atto.
E’ sua facoltà, tuttavia, formulare una …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it