Le regole per la rottamazione delle cartelle esattoriali

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 31 gennaio 2014

la Legge di stabilità prevede un mini condono per le cartelle esattoriali: ecco le istruzioni per definire le pendenze col Fisco

L’art. 1 cc. 618 - 624 della L. 27.12.2013 n. 147 ha introdotto la possibilità di definire in modo agevolato le somme iscritte nei ruoli o negli avvisi di accertamento esecutivi affidati agli Agenti della Riscossione alla data del 31.10.2013. I termini dell’adesione prevedono che il debitore possa estinguere il debito con il versamento delle somme originariamente iscritte a ruolo a titolo di imposta e sanzioni (ovvero del residuo in caso di pagamento rateale in corso), nonché degli aggi di riscossione dovuti ai sensi dell’art. 17 del DLgs. 112/99, purché detto versamento venga effettuato in un’unica soluzione entro il prossimo 28.2.2014.

 

Come si può facilmente desumere dalla lettura della novellata disposizione, quella proposta dalla manovra 2014 è una agevolazione depotenziata rispetto a quella prevista dall’art. 12 della L. 289/2002 che riconosceva, oltre alla cancellazione degli interessi di mora, anche uno sconto sulle somme dovute pari al 75%, mentre il residuo del 25% si sarebbe potuto versare in due rate annuali. L’attuale agevolazione consiste, in