La postergazione dei finanziamenti dei soci: possono essere restituiti soltanto dopo la soddisfazione dei creditori

I prestiti concessi alla società a responsabilità limitata, dai componenti del suo assetto proprietario, sono connotati dal requisito della c.d. “postergazione”, ovvero possono essere restituiti soltanto dopo la soddisfazione dei creditori. Peraltro, se il rimborso del finanziamento è avvenuto nell’anno precedente la dichiarazione di fallimento, questo deve essere restituito alla società (art. 2467 c.c.).
La postergazione del finanziamento opera nei confronti dei finanziamenti effettuati, in qualsiasi forma, dai componenti la compagine sociale, in un momento in cui, anche in considerazione del particolare tipo di attività esercitata dalla partecipata, risultava un indebitamento eccessivo, se rapportato al patrimonio netto. Peraltro, la postergazione opera anche con riferimento a quei finanziamenti effettuati in una situazione finanziaria nella quale sarebbe stato ragionevole eseguire un conferimento, anziché un mero finanziamento.
Purtroppo, l’art. 2467 c.c. non fornisce l’indicazione di alcun adeguato parametro quantitativo utile all’individuazione dei suddetti presupposti: l’inadeguatezza della struttura patrimoniale dovrà, pertanto, essere accertata avvalendosi di criteri alternativi, quali quelli tipici dell’analisi di bilancio; ci si riferisce, agli indici di struttura patrimoniale-finanziaria, ed in particolare al grado di indebitamento (rapporto tra i mezzi di terzi ed i mezzi propri).
Se si scegliesse di utilizzare nell’analisi di bilancio il grado di indebitamento (mezzi di terzi/mezzi propri), è necessario precisare che la configurazione dei mezzi propri non sempre coincide con quella civilistica di patrimonio netto risultante dal bilancio d’esercizio. Le due entità possono, infatti, divergere, come nel caso dell’utile di periodo classificato nel patrimonio netto, rispetto al quale risulti intervenuta, alla data di valutazione dell’equilibrio dell’indebitamento, una delibera assembleare di distribuzione dello stesso. Con l’effetto che si è realizzata una permutazione da una voce di patrimonio netto ad una di debito, determinando una riduzione dei mezzi propri e, quindi, un peggioramento della struttura del passivo. Peraltro, una dimensione particolarmente elevata del quoziente in parola è sintomo di un’evidente sottocapitalizzazione e, quindi, di un eccessivo ricorso all’indebitamento, che comporta l’applicabilità del predetto principio di postergazione.
Un utile strumento di analisi dell’equilibrio finanziario è rappresentato dai margini di solidità patrimoniale, ovvero quelli di struttura, soprattutto quello di primo grado, pari alla differenza tra i mezzi propri e le attività fisse nette: tale indice esprime, infatti, la capacità dell’impresa di finanziare gli investimenti in immobilizzazioni con le sole fonti aziendali maggiormente durevoli. Nell’ipotesi in cui il margine di struttura di primo grado assuma un valore positivo, significa che l’impresa è in grado di finanziare gli investimenti in capitale fisso con i soli mezzi propri: si è, pertanto, in presenza di una situazione ottimale sotto il profilo dell’equilibrio finanziario, tale da escludere l’operatività del principio di postergazione.
Qualora la differenza tra mezzi propri ed attivo fisso netto risulti, invece, essere negativa, la società potrebbe effettivamente trovarsi in una situazione di eccessivo indebitamento, giustificando l’assoggettamento dei finanziamenti dei soci al vincolo di restituzione di cui all’art. 2467, c. 1, c.c.: al ricorrere della suddetta ipotesi, è dunque necessario verificare la consistenza del margine di struttura di secondo grado, che pone a confronto la sommatoria dei mezzi propri e delle passività consolidate (debiti a…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it