Enti non commerciali: il regime speciale Legge 398/1991 per le Associazioni Sportive Dilettantistiche

proponiamo un riassunto delle agevolazioni previste dalla Legge 398/1991 che disciplina il regime speciale previsto per le associazioni sportive dilettantistiche

Siamo già nel periodo in cui le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) cominciano a pensare se nel prossimo periodo d’imposta sia il caso di passare dall’attuale regime contabilità (semplificata, ordinaria) a quello speciale, notoriamente più conveniente fiscalmente.

E, quindi, il momento di rivederne i contenuti della Legge n. 398 del 16 dicembre 1991 che disciplina tale regime speciale.

Il Legislatore, con detto provvedimento, ha disposto per le associazioni sportive dilettantistiche (e in generale per tutte le associazioni senza scopo di lucro) un regime forfetario per la determinazione delle imposte sia ai fini IVA che IRES, oltre a rilevanti semplificazioni in termini di tenuta della contabilità.

Possono accedervi le associazioni che non abbiano percepito nel corso dell’esercizio precedente proventi da attività commerciale di importo superiore a € 250.000,00 e le associazioni che intraprendono per la prima volta l’esercizio di attività commerciale che ipotizzano un reddito da attività commerciale non superiore al medesimo importo.

L’opzione deve essere comunicata all’ufficio SIAE territorialmente competente, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, e all’Agenzia delle entrate, barrando il quadro VO del primo Modello Unico Enc presentato.

L’opzione ha effetto dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è esercitata, fino a quando non sia revocata o si sia verificata una causa di decadenza e, in ogni caso, per almeno un triennio.

 

Modulo opzione L. 398/1991

Spettabile Ufficio della SIAE di

________________________

 

OGGETTO:

Opzione per il regime fiscale di cui alla Legge n. 398/1991

 

Il sottoscritto …………nato a ………..() il ………., residente a ……………(), via………., n…….., cap….. nella qualità di legale rappresentante dell’Associazione………………..con sede in …………….() via …………….n………….cap…….telefono…………

Codice fiscale………………………………………..

Partita IVA……………………………………………..

 

Dichiara

 

di voler optare per il regime previsto dalla Legge 16 dicembre 1991, n. 398 e successive integrazioni e modificazioni a decorrere da……………………..

 

Comunica, inoltre, che l’associazione, nel periodo d’imposta precedente, che coincide con l’esercizio sociale, ha conseguito proventi per €…………………….(1) dallo svolgimento di attività commerciali.

 

Distinti saluti

 

Firma

 

___________________________

 

(1) Per le associazioni che iniziano l’attività commerciale indicare il valore zero.

 

 

Iva

Le associazioni che optano per questo regime versano, ai sensi del comma 6 dell’art. 74, del DPR 633/1972, le seguenti percentuali dell’IVA risultante dalle fatture/ricevute emesse:

– 50% dell’IVA incassata per la generalità dei proventi commerciali;

– 90% dell’IVA incassata per i proventi da sponsorizzazioni (1);

– 66,67% dell’IVA incassata per cessioni o concessioni di diritti di ripresa televisiva.

L’imposta, così calcolata, dovrà essere versata entro il giorno 16 del secondo mese successivo al trimestre solare di riferimento mediante Modello F24, senza maggiorazione di interessi.

E’ prevista la possibilità di avvalersi della compensazione. La norma prevede l’esonero dall’invio della dichiarazione IVA annuale e della comunicazione IVA, e si è inoltre esonerati dal versamento dell’acconto annuale.

Ires (Imposta sul reddito)

L’imponibile Ires è costituito dal reddito d’impresa (2), oltre che da eventuali redditi fondiari, di capitale e diversi. La particolarità, dunque, consiste nell’imposizione agevolata con l’imposizione ad Ires di una minima parte dei proventi di natura commerciale, su cui, infatti, si applica solo l’aliquota del 3%.

Una volta determinato l’imponibile poi si applica l’aliquota Ires nella misura del 27,50%.

Semplificazioni contabili

I soggetti che hanno esercitato l’opzione per il regime di cui alla Legge 398/91, sono esonerati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili prescritti dagli articoli 14, 15 e 16 (che disciplinano la tenuta del libro giornale, dei registri ai…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it