IVA per cassa: opzione in dichiarazione IVA

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 23 settembre 2013

i contribuenti che intendono adottare la liquidazione dell'IVA per cassa per il triennio che scade a fine 2014, devono effettuare la scelta dell'opzione in dichiarazione IVA

L’art. 32-bis del DL 22.6.2012 n. 83, convertito con modifiche dalla L. 07.08.2012 n. 134, ha previsto un nuovo regime riguardante la liquidazione dell’IVA secondo la contabilità di cassa, in virtù del quale:

  • l’imposta sul valore aggiunto esposta sulle fatture attive (relative alla cessioni di beni e alle prestazioni di servizi emesse a cessionari o committenti, che agiscono nell'esercizio di impresa, arte o professione) diviene esigibile al momento del pagamento dei relativi corrispettivi;

  • l’imposta sul valore aggiunto esposta sulle fatture passive (relative agli acquisti dei beni o dei servizi) diviene detraibile, invece, soltanto al momento del pagamento dei relativi corrispettivi.

Le disposizioni attuative del nuovo regime di IVA per cassa sono contenute nel DM 11.10.2012 che ha fissato, peraltro, al 1 dicembre 2012, la data di entrata in vigore delle disposizioni in parola: dalla suddetta data è stato, peraltro, abrogato il regime dell’IVA per cassa previgente (ex art. 7 del DL 29.11.2008 n. 185). Con l’emanazione del Provvedimento direttoriale dell’Agenzia delle Entrate n. 165764 del 21.11.2012 e della Circolare ministeria