Il trasferimento all’estero delle società: problematiche che riguardano la residenza societaria, soprattutto sotto il profilo delle possibili contestazioni di tipo antielusivo

Aspetti generali

I rapporti con giurisdizioni estere sono normativamente presidiati in Italia come nei vari Paesi ad elevata pressione tributaria, per evitare i fenomeni di artificiosa delocalizzazione di basi imponibili volti a ridurre o annullare l’onere fiscale.

Si cerca quindi di tassare in qualche modo i redditi in uscita dallo Stato (outbound incomes), ovvero i redditi in entrata (inbound incomes), anche attraverso norme sull’indeducibilità dei componenti reddituali negativi derivanti da transazioni con economie «straniere», oltre a prevedere specifici obblighi di comunicazione e monitoraggio.

In particolare, il presente contributo si orienta sulle varie questioni relative allo spostamento oltre confine della sede della società, nonché sulle problematiche che riguardano la residenza societaria, soprattutto sotto il profilo delle possibili contestazioni di tipo antielusivo.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it