Cooperative di produzione e lavoro: come si applicano l’esenzione e le deduzioni IRAP

Nel modello Unico SC 2013 trovano posto per la prima volta ben tre diverse variazioni in diminuzione dal reddito che sono direttamente collegate all’applicazione dell’IRAP; in particolare, si tratta:

  • della deduzione dal reddito dell’IRAP pagata e relativa alla quota imponibile del costo del lavoro e assimilato, di cui all’art.2, c. 1, DL n. 201/2011,

  • della deduzione del 10% dell’IRAP pagata, di cui all’art. 6, c. 1, del DL n. 185/2008,

  • dell’esenzione dal reddito dell’IRAP indeducibile o del 50% di tale IRAP, di cui all’art. 11 del DPR n. 601/1973 e all’art. 1, c. 462, della L. n. 311/2004.

Le prime due sono relative a tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo, mentre la terza riguarda specificatamente solo le cooperative di produzione e lavoro (a mutualità prevalente) e loro consorzi.

Ed è proprio per simili soggetti che si pone la questione delle modalità di applicazione delle predette deduzioni, tenuto conto che le prime due sono effettuate sulla base del principio di cassa (e, comunque, nei limiti dell’IRAP di competenza) mentre la terza deduzione è operata sulla base dell’IRAP indeducibile.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it