Le novità in materia di fatturazione delle operazioni extraterritoriali

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 29 aprile 2013

analisi delle particolarità in materia di fatture per operazioni intracomunitarie, con particolare riferimento al reverse-charge e alle modalità di fatturazione delle operazioni extraterritoriali

La legge di stabilità 2013 (L. 24.12.2012 n. 228 pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 29.12.2012 ed in vigore dall'1.1.2013) ha introdotto importanti novità in materia fiscale, tra le quali la ridefinizione delle regole di fatturazione IVA, in recepimento della direttiva 2010/45/UE (già formalizzata nel c.d. decreto "salva-infrazioni").

Sulle predette novità si è espressa, di recente, anche l’Accademia Romana di Ragioneria “Giorgio Di Giuliomaria” (nota operativa n. 1/2013) fornendo, al riguardo, alcune precisazioni, con particolare riferimento alle modalità di fatturazione delle operazioni extraterritoriali. Relativamente a tipologia di operazioni, la nota in commento ricorda che i soggetti passivi che effettuano operazioni non territorialmente rilevanti nel territorio dello Stato, sono tenuti ad emettere fattura quando l'imposta è dovuta dal soggetto passivo residente in al