Immobilizzazioni immateriali: restyling del principio contabile

di Sonia Cascarano

Pubblicato il 9 marzo 2013

è in fase di aggiornamento il princio contabile nazionale dedicato alle "Immobilizzazioni Immateriali". Ecco quali novità sono in arrivo

L’OIC, all’interno del progetto di aggiornamento dei principi contabili, il 12 febbraio 2013, ha pubblicato sul proprio sito internet la bozza del principio contabile OIC 24 - Immobilizzazioni immateriali.

Il principio è a disposizione per la consultazione fino al 30 luglio 2013, data in cui, in assenza di osservazioni, sarà reso definitivo e pubblicato.

Il processo di consultazione fa parte di un processo partito il 25 maggio 2010, tendente alla revisione dei principi contabili nazionali rispettando l’evoluzione normativa e della prassi contabile nazionale e internazionale.

Il fine ultimo delle variazioni apportate e del nuovo principio è quello di prevedere, a livello generale, un riordino ed un coordinamento maggiore con gli altri principi contabili nazionali OIC.

Il principio contabile n. 24 tende a disciplinare il trattamento contabile e l’informativa nella nota integrativa per le immobilizzazioni immateriali, fornendo i criteri per l’identificazione, la rilevazione, la classificazione, la valutazione nel bilancio d’esercizio, nonché le informazioni da presentare nella nota integrativa.

Le immobilizzazioni immateriali caratterizzate dalla non tangibilità, sono costituite da costi che non perdono l’utilità in un solo periodo ma allungano i benefici economici in un arco temporale di più esercizi.

Esse sono costituite da:

  • oneri pluriennali, costi che non si concretizzano nell'acquisizione o produzio