Cessionario d’azienda e autonoma impugnazione dell’avviso di accertamento

di Antonino Russo

Pubblicato il 1 ottobre 2012

in caso di cessione d'azienda il cessionario ha autonoma capacità processuale nell'ipotesi di accertamento tributario su fatti avvenuti prima della cessione?

il cessionario d’azienda, nella sua qualità di responsabile d’imposta, non è legittimato ad una impugnazione autonoma degli avvisi di accertamento restando esperibile tale facoltà solo dal cedente, soggetto passivo dell’obbligazione.

 

Secondo la decisione n.5735 del 4 aprile 2012 della Suprema Corte, non vale a conferire alla cessionaria d’azienda alcuna autonoma legittimazione ad agire il richiamo analogico al recentissimo revirement dello stesso organo giudicante (n. 255 del 2012) che ha affermato la possibilità del responsabile d’imposta di formulare un “intervento adesivo dipendente” nel processo instaurato dall’obbligato passivo contro l’ufficio impositore.

 

Gli Ermellini motivano questa conclusione sulla base della premessa che il rapporto tra cedente e cessionario non identifica una responsabilità solidale paritetica ma una solidarietà dipendente che si concretizza nella figura del responsabile