Il transfer price tutorato dalle Entrate

di Roberta De Marchi

Pubblicato il 20 giugno 2012

vediamo come l'Agenzia delle Entrate vuole aumentare i controlli in tema di transazioni internazionali infragruppo, ma con modalità di collaborazione col contribuente

Come è noto, con circolare n.18/E del 31 maggio 2012 l’Agenzia delle entrate ha fornito gli indirizzi operativi in ordine alla contrasto all’evasione per il corrente, soffermandosi, fra l’altro, sui controlli nei confronti delle grandi e medie imprese.

Nell’ambito del tutoraggio operato nei confronti di questi soggetti viene ribadita l’esigenza di mantenere alto il livello di attenzione sulle politiche di prezzi di trasferimento non in linea con il principio del valore normale (OECD (2012) .

Vediamo, quindi, quali sono le regole minime – commentate dalla C.M. n.58/E del 15 dicembre 2010 - per superare indenni il controllo, producendo la documentazione indicata dall’art. 26 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 convertito, con modificazioni, dall’art. 1 della legge 30 luglio 2010 n. 122, in materia di prezzi di trasferimento, che ha previsto la non applicabilità delle sanzioni per infedele dichiarazione, qualora il contribuente predisponga la specifica documentazione prevista con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, emanato in data 29 settembre 2010, idonea a consentire il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati.

Il provvedimento fa carico, fra l’altro, alle società di un obbligo di comunicazione in merito al possesso della documentazione prevista (Unico 2011, quadro RS, per l’anno 2010). In assenza di barratura dell’apposita casella restano vigenti le ordinarie sanzioni.

 

La documentazione idonea: master file e documentazione nazionale

La “documentazione idonea” è costituita da un documento denominato “Masterfile” e da un documento denominato “Documentazione Nazionale”.

Il Masterfile raccoglie informazioni relative al gruppo e deve essere articolato nei seguenti capitoli, paragrafi e sottoparagrafi, ciascuno contenente le informazioni desumibili dalla relativa titolazione e dalle ulteriori eventuali indicazioni apposte tra parentesi quadre:

1. Descrizione generale del gruppo multinazionale;

2. Struttura del gruppo

2.1 Struttura organizzativa;

2.2 Struttura operativa;

3. Strategie generali perseguite dal gruppo ed eventuali mutamenti di strategia rispetto al periodo d’imposta precedente;

4. Flussi delle operazioni ;

5. Operazioni infragruppo

5.1 Cessioni di beni materiali o immateriali, prestazioni di servizi, prestazioni di servizi finanziari ;

5.2 Servizi funzionali allo svolgimento delle attività infragruppo;

5.3 Accordi per la ripartizione di costi ;

6. Funzioni svolte, beni strumentali impiegati e rischi assunti;

7. Beni immateriali;

8. Politica di determinazione dei prezzi di trasfe