Decreto sostegni: termini di decadenza prorogati

di Angelo Facchini

Pubblicato il 24 marzo 2021



Per effetto dell’emergenza sanitaria e di tutte le sospensioni e proroghe, il decreto Sostegni dispone anche la proroga dei termini di decadenza. Esattamente, con riferimento ai carichi, relativi alle entrate tributarie e non tributarie, affidati all’agente della riscossione dall'8 marzo 2020 al 30 aprile 2021 e fino al 31 dicembre 2021, nonché affidati anche dopo il 31 dicembre 2021, a quelli relativi alle dichiarazioni presentate nell’anno 2018, per le somme che risultano dovute a seguito dell’attività di liquidazione (art. 36-bis), alle dichiarazioni dei sostituti d’imposta presentate nell’anno 2017 per le somme che risultano dovute a seguito della liquidazione definitiva dell’indennità di fine rapporto e delle prestazioni pensionistiche (articoli 19 e 20 TUIR), alle dichiarazioni delle imposte sui redditi presentate nell’anno 2017, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di controllo formale (art. 36-ter), sono prorogati: di 12 mesi il termine di notifica della cartella ai fini del riconoscimento del diritto al discarico delle somme iscritte a ruolo, e di 24 mesi i termini di decadenza e prescrizione relativi alle predette entrate.