Le nuove specifiche tecniche per la fattura elettronica

Un esame delle nuove specifiche tecniche approvate dall’Agenzia Entrate entrate in vigore dal 1° ottobre scorso che diventeranno obbligatorie dal prossimo 1 gennaio 2021. Ecco cosa cambierà in pratica….

Nuove specifiche tecniche per la fattura elettronica: premessa

nuove specifiche tecniche fattura elettronicaDal 1° ottobre scorso per la trasmissione della fattura elettronica si possono utilizzare le nuove specifiche tecniche approvate con Provvedimento delle Entrate del 28.02.2020 (aggiornate con Provvedimento 20.04.2020) che diventeranno obbligatorie dal 01.01.2021.

Le nuove Specifiche tecniche prevedono l’introduzione di:

  • nuovi codici “Tipo documento”;
     
  • un maggior dettaglio dei codici “Natura” dell’operazione;
     
  • nuove codifiche “Tipo ritenuta” e “Modalità pagamento”.

 

Contenuto della fattura elettronica

Il contenuto della fattura elettronica è regolato dagli articoli 21 e 21-bis del DPR 633/1972.


Contenuto della fattura elettronica

  1. data di emissione;
     
  2. numero progressivo della fattura che la identifichi in modo univoco;
     
  3. dati identificativi del cedente/prestatore (professionista, impresa, artigiano, etc.);
     
  4. dati identificativi del cessionario/committente (Pubblica Amministrazione, altra impresa/professionista, consumatore finale);
     
  5. natura, quantità e qualità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione;
     
  6. data di effettuazione dell’operazione riguardante la cessione di beni o la prestazione di servizi;
     
  7. corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, compresi quelli relativi ai beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono di cui all’art. 15, primo comma, n. 2;
     
  8. corrispettivi relativi agli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono;
     
  9. aliquota, ammontare dell’imposta e dell’imponibile con arrotondamento al centesimo di euro;
     
  10. data della prima immatricolazione o iscrizione in pubblici registri e numero dei chilometri percorsi, delle ore navigate o delle ore volate, se trattasi di cessione intracomunitaria di mezzi di trasporto nuovi, di cui all’art. 38, comma 4, D.L. 30 agosto 1993, n. 331;
     
  11. annotazione che la stessa è emessa per conto del cedente/prestatore, dal cessionario/committente o da un terzi.

Nelle specifiche tecniche approvate con il Provv. del 30/04/2018 è stato definito il tracciato telematico per una corretta trasmissione delle informazioni allo SDI.

Con Provvedimento 28 febbraio 2020, n. 166579, l’Agenzia delle Entrate ha modificato tale tracciato telematico.

Le modifiche più significative allo schema XML riguardano

  • i codici di tipo documento;
  • codici della natura dell’operazione.

 

Codici tipo documento

Per quanto riguarda i codici tipo documento quelli previsti dal Provv. del 30/04/2018 sono i seguenti.

CODICE

DOCUMENTO

TD01

Fattura

TD02

Acconto/anticipo su fattura

TD03

Acconto/anticipo su parcella

TD04

Nota di credito

TD05

Nota di debito

TD06

Parcella

TD07

Autofattura

 

I nuovi codici aggiunti con il Provv. 28.02.2020 sono i seguenti.

[CONTINUA, clicca sul tasto rosso qui sotto per scaricare il PDF integrale]

 

Se vuoi approfondire l’argomento puoi leggere:

“Fattura elettronica: in vigore i nuovi codici”

“Nuovi codici per fattura elettronica obbligatori da 1 gennaio 2021”

“Come comportarsi in caso di fattura elettronica errata?”

 

A cura di Devis Nucibella

Lunedì 26 ottobre 2020

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it