Integrazione salariale: il concetto di unità produttiva

Il concetto di unità produttiva è molto importante per la concessione di trattamenti di integrazione salariale, perché è sulla base di questo parametro che essi vengono concessi.
Ma cosa si intende per unità produttiva? Considerata la situazione di massiva richiesta di cassa integrazione a causa dell’emergenza COVID-19, su tale tema fornisce approfondimenti anche la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro.

integrazione salariale unità produttivaAlla Luce del D.L. Cura Italia e dell’erogazione massiccia di strumenti di integrazione salariale, diverse definizioni in tema di ammortizzatori risultano di estrema importanza.

Tra queste certamente riveste un’importanza notevole il concetto di unità produttiva, tema sul quale ha fornito maggiori chiarimenti l’approfondimento della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro dell’8 aprile 2020, il quale ha indagato su questo importante parametro per la gestione dei trattamenti di integrazione salariale, analizzando il concetto alla luce (anche) della normativa emergenziale.

Il concetto di unità produttiva, espresso diffusamente all’interno del D.Lgs. n. 148/2015, è designato come parametro fondamentale per il riconoscimento dei trattamenti di integrazione salariale.

Esso è ad esempio necessario per verificare il requisito soggettivo dei lavoratori beneficiari (“I lavoratori di cui al comma 1 devono possedere, presso l’unità produttiva per la quale è richiesto il trattamento, un’anzianità di effettivo lavoro di almeno novanta giorni alla data di presentazione della relativa domanda di concessione”), per valutare il tempo massimo di concessione del trattamento (che cambia a seconda della tipologia di azienda, per il cui approfondimento si rimanda al D.Lgs. n. 148/2015 art. 4, co. 1 e 2, art. 12, co. 1), o ancora per la definizione della competenza territoriale per la valutazione delle istanze.

 

I chiarimenti INPS sulla definizione di unità produttiva

Da quanto detto, è possibile quindi evincere le caratteristiche essenziali del concetto di unità produttiva, anche sulla base delle definizioni di volta in volta estrapolate dall’analisi della Giurisprudenza sul tema, che ritiene l’unità produttiva “ogni articolazione autonoma dell’azienda avente, sotto il profilo funzionale e finalistico, idoneità ad esplicare, in tutto o in parte, l’attività dell’impresa medesima (così Sent. Cass. Civ. sez. lav. n. 6117/2005).

Le caratteristiche dell’unità produttiva sarebbero quindi: l’autonomia organizzativa, l’omogeneità, l’indipendenza tecnico-funzionale e la disponibilità di risorse umane in via continuativa.

Quanto detto finora va ulteriormente approfondito con le definizioni che ha dato di unità produttiva l’Istituto Previdenziale con le Circolari nn. 197/2915 e 56/2017.

L’unità produttiva è così “lo stabilimento o la struttura finalizzata alla produzione di beni o all’erogazione di servizi” che presenta congiuntamente alcuni specifici requisiti, ossia:

  1. autonomia finanziaria o tecnico-funzionale, ossia un plesso organizzativo con “un proprio riparto di risorse disponibili così da permettere in piena autonomia le scelte organizzative più confacenti alle caratteristiche funzionali e produttive dello/a stabilimento/struttura”;
     
  2. autonomia nella realizzazione di un intero ciclo produttivo o un’intera fase dello stesso;
     
  3. il possedere maestranze adibite in via continuativa.

La Fondazione Studi CdL ricorda inoltre che spetta all’impresa la qualificazione di un’unità produttiva con apposita autocertificazione nell’ambito dell’anagrafica aziendale, con la quale si attesta che l’unità individuata come produttiva è tale perché l’attività in concreto svolta non è circoscritta “alla realizzazione di meri scopi strumentali”.

 

L’unità produttiva nella concessione di integrazione salariale

Fatta questa analisi sulla questione dell’unità produttiva, è possibile così analizzare anche il collegamento tra l’unità produttiva e la gestione delle richieste di integrazioni salariali, siano esse cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga o fondi di integrazione salariale.

Come specificato nell’approfondimento infatti, il ruolo di unità produttiva è fondamentale per la concessione dei trattamenti all’azienda.

 

L’unità produttiva per integrazione salariale Covid

Nello specifico, in considerazione della…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it