Nuovo Modello OT23 per la riduzione delle tariffe INAIL

E disponibile il modello OT23 con cui sarà possibile accedere alla riduzione del tasso medio delle tariffe INAIL per gli interventi compiuti in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro durante l’anno 2019.

Il modello introduce diverse novità rispetto al passato, con semplificazioni e l’elencazione di specifiche attività che danno diritto alla riduzione. In questo articolo presentiamo una breve guida alla compilazione del modello.
Ricordiamo che la domanda potrà essere presentata in via telematica entro il 29 febbraio 2020.

Con un comunicato pubblicato dall’INAIL è reso noto che è disponibile il modello OT23 con il quale sarà possibile accedere alla riduzione del tasso medio delle tariffe per gli interventi compiuti in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro durante l’anno 2019. Il modello introduce diverse novità rispetto al passato, con semplificazioni e l’elencazione di specifiche attività che danno diritto alla riduzione.

La domanda potrà essere presentata in via telematica entro il 29 febbraio 2020.

 

Modello OT23 disponibile

Le aziende possono accedere ora al modello OT23 per richiedere la riduzione di tariffa INAIL: lo ha annunciato l’INAIL con il comunicato del 23 agosto 2019, sottolineando come il modello sia disponibile dal 1° agosto 2019.

Il nuovo modello OT23 sostituisce infatti il precedente modello OT24, e sarà utilizzabile dalle aziende fino al 29 febbraio 2020, per poter godere della riduzione delle tariffe INAIL con riferimento agli interventi migliorativi posti in essere nell’anno 2019. Allegato al modello in questione, si ritrova anche la guida alla compilazione, che permette di seguire passo passo la richiesta da inoltrare all’INAIL.

 

Le novità del modello OT23

Come il modello precedente, anche il modello OT23 concerne lo sconto dei premi assicurativi per gli interventi migliorativi delle condizioni di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro che sono stati adottati dalle imprese assicurate nell’anno precedente. Rispetto alla sua precedente versione, quest’ultimo reca con sé numerosi interventi migliorativi, predefinendo azioni e miglioramenti considerati validi per ottenere il beneficio richiesto.

Il modulo si compone anche di numerosi esempi di interventi meritevoli per ottenere lo sconto della tariffa, come ad esempio:

  • presenza in azienda di sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro idoneamente certificati;
  • asseverazioni;
  • segnalazioni concernenti i quasi infortuni o i mancati incidenti sul lavoro;
  • attività formative nei confronti del personale;
  • ma anche la partecipazione al premio “Imprese per la sicurezza”, promosso e organizzato annualmente da INAIL e Confindustria.

Il modello OT23, reca con sé anche novità per quanto riguarda gli infortunati sul lavoro, e le misure migliorative per il reinserimento in azienda: e infatti il modello chiarisce come si può godere dell’agevolazione per il reinserimento lavorativo dei dipendenti affetti da disabilità da lavoro, per i quali – ad esempio – sono previste delle modalità di trasporto da casa al lavoro in orario notturno e la realizzazione di interventi per contrastare il verificarsi di rapine.

Ad ogni modo, per l’invio della domanda di riduzione non basterà aver messo in atto tali interventi, ma sarà anche necessario inoltrare la documentazione certificante l’avvenuto intervento, la quale dovrà riportare data e firma del datore di lavoro all’interno dei documenti, ma anche, a seconda dei casi, degli altri soggetti idonei; in alcuni casi poi, e in particolar modo per le procedure adottate, sarà necessario anche segnalare i contenuti e le evidenze documentali che fanno riferimento all’anno 2019.

 

La riduzione del tasso medio di tariffa

L’articolo 23 delle modalità per l’applicazione delle tariffe, approvate con Decreto Interministeriale del 27 febbraio 2019, prevede la riduzione del tasso medio di tariffa quando le aziende effettuano degli interventi per migliorare le condizioni di sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro, in maniera aggiuntiva rispetto alle previsioni normative.

Tale riduzione, per l’anno 2020, avverrà solamente se l’azienda si sia impegnata ad apportare delle modifiche migliorative rispetto alle previsioni di legge, e solo se le stesse sono state effettuate nell’anno 2019.  La domanda dovrà essere effettuata utilizzando un’apposita istanza in modalità telematica entro il termine del 29 febbraio 2020, alla quale dovrà essere allegata la documentazione che attesta…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it