Mancata ricezione della fattura di acquisto: procedura di regolarizzazione e invio per il tramite del sistema di interscambio

Mancata ricezione della fattura di acquisto: procedura di regolarizzazione e invio per il tramite del sistema di interscambioL’obbligo di fatturazione elettronica, decorrente dal 1° gennaio prossimo, è molto ampio. Il nuovo adempimento riguarderà anche l’emissione dell’autofattura che i contribuenti potranno effettuare con la specifica procedura di regolarizzazione per non rischiare l’irrogazione delle sanzioni, in caso di mancata ricezione di una o più fatture di acquisto, avente ad oggetto la documentazione delle spese sostenute nell’esercizio dell’attività.

La conclusione si desume dalla lettura del punto 6 del Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate 30 aprile 2018, n. 89757/2018.

Il problema e l’irrogazione della sanzione

La disciplina dell’Iva non prevede, in linea di principio, la responsabilità solidale del soggetto acquirente. La solidarietà è un’eccezione rispetto al principio in base al quale il soggetto cedente o prestatore è responsabile autonomamente del tributo o del minor tributo eventualmente applicato.

Il soggetto acquirente può subire esclusivamente l’irrogazione di una sanzione il cui importo è commisurato all’Iva non applicata. Si tratta, però, semplicemente di una modalità di determinazione della sanzione, ma l’Agenzia delle entrate dovrà rivolgersi esclusivamente al soggetto che ha posto in essere la prestazione per riscuotete l’Iva “evasa”.

La disposizione di riferimento è l’art. 6, comma 8 del decreto legislativo n. 471/1997 secondo cui  “Il cessionario o il committente che, nell’esercizio di imprese, arti o professioni, abbia acquistato beni o servizi senza che sia stata emessa fattura nei termini di legge o con emissione di fattura irregolare da parte dell’altro contraente, è punito, salva la responsabilità del cedente o del commissionario, con sanzione amministrativa pari al cento per cento dell’imposta, con un minimo di euro 250, sempreché non provveda a regolarizzare l’operazione con le seguenti modalità …”.

L’irrogazione della sanzione è dovuta alla circostanza che con il suo comportamento omissivo l’acquirente/prestatore ha favorito l’evasione di altro soggetto. Al fine di evitare l’irrogazione della predetta sanzione l’acquirente può regolarizzare la mancata ricezione del documento.

La procedura di regolarizzazione in caso di mancata emissione della fattura

Fin quando non entrerà in vigore l’obbligo di emissione della fattura in formato digitale la procedura di regolarizzazione è quella descritta dal secondo periodo del citato comma.

Il soggetto acquirente o committente, se non ha ricevuto la fattura passiva entro quattro mesi dal momento di effettuazione dell’operazione, ha a disposizione trenta giorni di tempo per regolarizzare l’operazione. Entro tale termine deve essere emessa un’autofattura in duplice esemplare, dalla quale risultino tutte le indicazioni previste dall’art. 21 del D.P.R. n. 633/1972. Il documento deve essere consegnato all’Ufficio dell’Agenzia delle entrate competente.

L’operazione si considererà regolarizzata solo allorquando il soggetto che si avvale della procedura provvederà altresì al versamento della relativa imposta risultante dall’autofattura.

La fatturazione elettronica e la “nuova” procedura di regolarizzazione

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 30 aprile 2018, pur richiamando l’art. 6, comma 8, lett. a) e b) del citato decreto legislativo, ha adeguato la procedura al nuovo obbligo di emissione delle fatture in formato digitale. Il provvedimento direttoriale precisa come l’autofattura debba essere trasmessa al SdI compilando, nel file fattura elettronica, il campo “TipoDocumento” con un codice convenzionale, riportato nelle specifiche tecniche.

Devono essere indicati i dati anagrafici del cedente/prestatore e del cessionario/committente.

La procedura risulta semplificata in quanto la trasmissione del documento per il tramite del SdI esonera l’acquirente dalla consegna di un esemplare dell’autofattura presso…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it