Collegio sindacale nelle società di capitali: chi sottoscrive la dichiarazione dei redditi

 

Collegio sindacale nelle società di capitali - chi sottoscrive la dichiarazione redditiLa dichiarazione dei redditi 2018, periodo di imposta 2017, di società soggette alla revisione legale dei conti va sottoscritta dagli stessi soggetti che hanno firmato la relazione al bilancio di esercizio.

Tra i controlli che si devono fare prima dell’invio del modello dichiarativo Società di Capitali 2018 – periodo di imposta 2017 – c’è anche quello rappresentato da chi sia il soggetto che debba firmare la dichiarazione dei redditi per le società sottoposte a revisione legale dei conti se quest’ultimo si è dimesso nel periodo intercorrente tra l’approvazione del bilancio e l’invio della dichiarazione.

L’Agenzia delle Entrate, in passato, ha avuto modo di chiarire che la dichiarazione dei redditi delle società e degli enti soggetti ad IRES, soggette alla revisione contabile, deve essere sottoscritta dagli stessi soggetti che hanno firmato la relazione di revisione al bilancio di esercizio.

Va ricordato che ai sensi dell’art. 2, del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, e ss.mm., i contribuenti soggetti ad IRES devono presentare la dichiarazione in via telematica entro l’ultimo giorno del nono mese successivo a quello di chiusura del periodo di imposta periodo (e pertanto entro il 30 settembre – prorogato al 31 ottobre 2018 dall’art. 1, comma 932, L. 27 dicembre 2017, n. 205 – per i soggetti con esercizio ad anno solare).

Il documento di prassi ministeriale

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 62/E dell’8 giugno 2011, in risposta ad un interpello, ha stabilito che il soggetto che ha sottoscritto la relazione di revisione riferita all’anno di imposta, anche se cessato dal suo incarico, è comunque obbligato a sottoscrivere anche la dichiarazione dei redditi ed IRAP, riferita alla medesima annualità, pena l’applicazione della sanzione di cui all’articolo 9, comma 5, del D.Lgs. n. 471 del 1997.

I tecnici delle Entrate sono arrivati a queste conclusioni analizzando il caso di una fusione per incorporazione tra due soggetti IRES; vediamo nel dettaglio come la vicenda si è sviluppata.

Nel caso di specie il quesito era stato posto perché l’IPOST (ente di previdenza e assistenza dei dipendenti delle Poste italiane spa) era stato soppresso e le relative funzioni erano state assorbite dall’INPS come disposto dalla manovra d’estate 2010 di cui all’art. 7, commi 2 e 3, del D.L. 31 maggio 2010, n.78, convertito nella legge 30 luglio 2010, n.122.

Nel caso in esame le funzioni dell’IPOST erano state trasferite all’INPS, sotto la vigilanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l’INPS era succeduto in tutti i rapporti attivi e passivi (c.d. fusione per incorporazione).

Il problema, tuttavia, nasceva per via del fatto che l’INPS doveva predisporre, sulla base delle risultanze del bilancio relativo al periodo di imposta 01/01/2010 – 31/05/2010, approvato dagli organi competenti, le dichiarazioni fiscali inerenti il soppresso ente IPOST.

Nel compilare la dichiarazione, con riguardo alla sezione “Firma della dichiarazione” le istruzioni ai modelli fiscali richiedevano la sottoscrizione anche da parte dei soggetti che sottoscrivono la relazione di revisione ossia, nel caso di specie, del collegio sindacale.

Per l’Agenzia delle Entrate, con riferimento al riquadro “Firma della dichiarazione”, occorre comprendere se la sottoscrizione della dichiarazione nella apposita sezione competa ai membri del collegio sindacale del soppresso ente IPOST oppure ai membri del collegio sindacale in carica presso l’INPS.

Per i tecnici ministeriali è necessario partire dall’analisi dell’articolo 1, comma 5, del D.Lgs. n. 322/1998 secondo il quale “La dichiarazione delle società e degli enti soggetti all’imposta sul reddito delle società sottoposti al controllo contabile ai sensi del codice civile o di leggi speciali è sottoscritta anche dai soggetti che sottoscrivono la relazione di revisione. La dichiarazione priva di tale sottoscrizione è valida, salva…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it