Le istruzioni operative per la decontribuzione 2018

un ripasso delle agevolazioni possibili nel 2018 e come si compila il modello Uniemens in caso di decontribuzione

Già in altra occasione il Commercialista Telematico ha afrontato il tema dell’art.1 cc. 100 – 108 e 113 – 114 Legge 27/12/2017 n. 205 o meglio della Legge di Bilancio 2018 che ha introdotto il nuovo strumento di incentivo all’assunzione con contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti di lavoratori giovani che si trovino nella condizione peculiare di non aver mai concluso un contratto a tempo indeterminato nella loro carriera professionale.

Abbiamo riscontrato che per i professionisti che seguono queste assunzioni la difficoltà di reperire precise informazioni al fine di poter con sicurezza procedere all’applicazione dell’incentivo, consiste nel difficile processo di conoscenza del percorso lavorativo dei dipendenti da assumere, in quanto i dati storici forniti dai centri per l’impiego, riferiti ai singoli lavoratori sono spesso limitati ad una portata territoriale limitata e quindi l’unico istituto che potrebbe fornirci dati completi è proprio l’INPS mediante un estratto conto del cassetto previdenziale del lavoratore, cosa non semplicissima da ottenere in quanto tali dati fanno parte della sfera personale del lavoratore stesso.

Con la Circolare 2/3/2018 n. 40 l’INPS ci offre un riepilogo della normativa e ci fornisce le tanto agognate istruzioni operative e contabili che ci permetteranno finalmente di diventare “operativi” in merito. Augurandomi di risultare esaustivo e non tedioso cercherò di fare una sintesi quanto più schematica possibile.

Dal 01/01/2018 è stato introdotto un incentivo all’occupazione che avrà una funzione “strutturale” e la cui misura è pari al 50% dei contributi previdenziali complessivi a carico del datore di lavoro con un limite annuo di € 3.000 da ricalcolare in forma mensile ed applicare periodicamente da ogni elaborazione di busta paga dei dipendenti interessati. Il beneficio ha una durata di 36 mesi a partire dalla data di assunzione del dipendente agevolato.

Il beneficio è riconosciuto anche in ugual misura ma per minore tempo (solo 12 mesi), anche in costanza di lavoratori in apprendistato professionalizzante che al termine del periodo di apprendistato presso lo stesso datore di lavoro, vengano riconfermati dallo stesso datore. Il giovane ex apprendista deve avere in questo caso non compiuto ancora i 30 anni.

Il beneficio è addirittura portato al 100% dei contributi previdenziali carico datore di lavoro e per tutti i 36 mesi di durata prevista, nel caso di assunzioni a tempo indeterminato di giovani che abbiano svolto presso lo stesso datore di lavoro nei sei mesi precedenti l’assunzione attività:
– di alternanza scuola lavoro
– periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore,il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato di alta formazione
– l’esonero contributivo riguarda per il solo 2018 le assunzioni di giovani aventi età fino a un giorno prima del compimento di 35 anni, ma dal 2019 riguarderà lavoratori che non abbiano compiuto i 30 anni di età.

I lavoratori (beneficiari indiretti) per godere dell’assunzione incentivata devono possedere l’ulteriore “requisito” poco invidiabile di non essere mai stati occupati durante il loro percorso lavorativo con un contratto a tempo indeterminato, cioè l’incentivo è volto a favore di quei soggetti che risultano giovani fino ad oggi “precari a vita”. Per quanto riguarda i datori di lavoro, che sono i beneficiari diretti, sono compresi nell’applicazione dell’incentivo:
– gli imprenditori così come definiti dall’art. 2082 del codice civile, in forma individuale o societaria di persone e di capitali;
– i datori di lavoro non imprenditori quali associazioni culturali politiche o sindacali, le associazioni di volontariato, gli studi professionali;
– gli enti pubblici economici, gli istituti autonomi case popolari, le ex IPAB, consorzi di bonifica, industriali, gli enti ecclesiastici.
Per…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it