Decreto Concorrenza: i professionisti devono comunicare obbligatoriamente il preventivo per iscritto

di Federico Gavioli

Pubblicato il 2 settembre 2017

iniziamo ad analizzare le novità del cosiddetto "decreto concorrenza" che riguardano i liberi professionisti: il problema del preventivo per iscritto, il calcolo del compenso per le prestazioni professionali, la trasparenza delle informazioni per i titoli e la specializzazione posseduta; argomenti di estremo interesse ora che il decreto è divenuto operativo

Commercialista_Telematico_Post_1200x628px_Il_Gatto_E_La_VolpeIl Decreto Concorrenza interviene sull’articolo 9 (Disposizioni sulle professioni regolamentate) del decreto-legge n. 1 del 2012, in tema di compenso per le prestazioni professionali, imponendo la comunicazione obbligatoria dei professionisti ai clienti

***

La legge annuale per il mercato e la concorrenza del 4 agosto 2017, n.124, pubblicata sulla G.U. 189 del 14-8-2017, cd. Decreto Concorrenza, contiene importanti disposizioni sulle professioni regolamentate. Il provvedimento dopo un iter legislativo molto complicato durato oltre due anni, tocca una vastità di materie ed interessa, tra l’altro, le assicurazioni, il mercato dell'energia, i liberi professionisti, le Poste, le banche, gli albergatori e le farmacie.

Il Decreto Concorrenza è entrato in vigore ieri 29 agosto 2017.

L’efficacia di molte disposizioni introdotte, tuttavia, non è ancora operativa anche dopo che la pubblicazione del testo in G.U.; il Ministero dello Sviluppo Economico è chiamato ad un ulteriore sforzo in quanto dovrà definire nei tempi più brevi possibili tutti i decreti attuativi necessari per la piena attuazione della legge.

Il compen